Taste of Roma: 4 giorni di assaggi all’Auditorium Parco della Musica

(Cut-tv's)

mmmmm … da CUT-tiva con l’olfatto inebriato dai sentieri del gusto e un palato che rischia di condurmi nel girone dei dannati, preferendo Beautyfood a Beautiful, camicie di lardo di colonnata al Prêt-à-Porter più raffinato, mi preparo all’assaggio di delicatessen, gastronomia d’eccellenza e showcooking, portati da Taste of Roma nei giardini pensili dell’Auditorium Parco della Musica, dal 20 al 23 Settembre 2012.

Una quattro giorni sfiziosa, per degustare la filosofia culinaria del più grande Restaurant Festival del mondo, tra eventi interattivi, corsi di cucina, sorsi di vino e leccate di gelato (Algida), ma soprattutto, l’assaggio di 36 manicaretti in formato antipasto (taste appunto), preparati dagli chef dei ristoranti più quotati della capitale, 3 piatti per ogni chef dei 12 ristoranti partecipanti, al costo che oscilla dai 4 ai 6 euro. Riguardo al valore e al sapore dell’iniziativa, il video e il menù dopo il salto, sono abbastanza eloquenti.

Menù Taste of Roma 2012

Acquolina Hostaria in Roma – Chef: Giulio Terrinoni
• Torta di gaspè (baccalà) e patate con bagna cauda moderna
• Freddo di cipolle rosse con ostriche e pane al gorgonzola
• Trippa di rana pescatrice alla romana

Agata e Romeo – Chef: Agata Parisella
• “La caprese”
• Cannelloncini farciti di prosciutto in salsa di cipollotto fresco
• Stecco di baccalà con salsa guacamole e peperoni piccanti

All’Oro – Chef: Riccardo Di Giacinto
• “Rocher” di coda alla vaccinara con gelèe di sedano
• Tiramisù di baccalà e patate con lardo di cinta senese
• Raviolini di mascarpone con ragout di anatra e riduzione di vino rosso

Giuda Ballerino – Chef: Andrea Fusco
• Spiedino di gambero in pasta fillo e spuma di mortadella
• Tortellini di ricotta Funghi, guancia al Cesanese e clorofilla di rucola
• Salmone selvaggio con salsa di anguria, tartufo nero e asparagi di mare

Glass Hostaria – Chef: Cristina Bowerman
• Panino artigianale con maionese al passito e fegato grasso. Patatine fritte e ketchup al mango (Glass 2006)
• Fico settembrino, pancia di maiale e ricotta di bufala, saba e pepe verde (glass 2009)
• Carpaccio di manzo affinato al te’ Seuchong e miele di Elva, anguria compressa e affumicata, semi, frutti rossi e balsamico tradizionale invecchiato (glass 2012)

Il Convivio Troiani – Chef: Angelo Troiani
• Mezze maniche alla amatriciana de ‘Il Convivio’
• Rosetta de ‘Il Convivio’ con kebab di coniglio in porchetta, funghi porcini e zenzero
• Tiramisù ieri, oggi e domani

Il Pagliaccio – Chef: Anthony Genovese
• Ricciola fritta, battuta di pomodori ed anguria
• Tortello con ragù di maialino da latte leggermente piccante
• Polipo e vitella, erbe amare e marmellata di fichi

Imàgo, Hassler Hotel – Chef: Francesco Apreda
• Capesante impanate e ripiene di mozzarella di bufala, foglie di sedano e tartufo nero
• Uovo e pomodoro, pane cafone e carbone di melanzane
• Granita ai frutti di bosco e balsamico, fluida di yogurt e cioccolato bianco

L’Arcangelo – Chef: Arcangelo Dandini
• Supplizio, Croccante e Crocchetta , ovvero supplì di riso, croccante di mandorla e alici e crocchetta di patate affumicata
• Passato di cicerchia, sambuco e parmigiano soffiato
• Ciriola, quaglie, broccoletti ajo e ojo

Magnolia, Jumeirah Grand Hotel – Chef: Kotaro Noda
• Tartare di Manzo con Maionese affumicata e Mostarda
• Doppi Ravioli farciti di baccalà con fagioli del Purgatorio in guazzetto di Vongole
• Il Giardino Zen

Ristorante Metamorfosi – Chef: Roy Caceres
• Riso-rosso-cremoso, Fassona di Optima carne, blu del Monviso
• Uovo 65° carbonara
• “Cocktail” di gamberi affumicati

Ristorante Pipero al Rex – Chef: Luciano Monosilio
• Ostia sconsacrata, burro e alici del cantabrico
• Crudo d’oca mela e senape

Difficile tener a bada l’acquolina, soprattutto se considerata quanto costerebbe un assaggio analogo in questi ristoranti, partecipare a corsi di cucina o carpire segreti e trucchetti dalle performance di grandi chef.

Tenete conto che l’ingresso base costa 16 euro, i bambini fino a 5 anni entrano gratis, dai 6 ai 13 anni pagano 8 euro mentre l’ingresso Vip sale a 55 euro. Più nel dettaglio:

Il biglietto da 16€ include: ingresso al festival, un calice da degustazione che potete portare a casa se resiste ai vostri assaggi, la partecipazione gratuita (sino ad esaurimento posti) ai corsi di cucina (varrebbe la pena anche solo per quello) e agli showcooking dei grandi chef (sempre illuminanti), la Guida Menu con tutti i programmi ed il menu del festival.

Il biglietto da 55€ per l’ingresso PREMIUM include: ingresso al festival, il calice da degustazione come sopra, 15 sesterzi (1 sesterzio = 1 euro) per acquistare i piatti preferiti tra le 36 proposte dei ristoranti (ogni piatto ha un costo tra i 4 e i 6 sesterzi), 8 degustazioni a scelta, fra le etichette proposte, la partecipazione gratuita (sino ad esaurimento posti) per seguire gli chef preferiti e i corsi di cucina, la Guida Menu con tutti i programmi ed il menu del festival.

Il biglietto da 8€ per i ragazzi dai 5 ai 13 anni include: ingresso al festival, partecipazione gratuita (sino ad esaurimento posti) ai corsi di cucina (per genitori e bimbi il sabato e la domenica), agli showcooking dei grandi Chef, ai mini corsi e alle attività ludiche nell’area Bimbi gestita dagli esperti di Zero 6.

Ora non vi resta che consultare il programma dell’evento, anche per Mobile, e scegliere il giorno (o i giorni) della visita. Buon assaggio!

Taste of Roma: 4 giorni di assaggi all’Auditorium Parco della Musica é stato pubblicato su 06blog.it alle 13:19 di giovedì 13 settembre 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.

Be Sociable, Share!