Tag Archives: trastevere



Basilica di Santa Maria in Trastevere: One of Rome’s Oldest Churches

Detail of the Basilica di Santa Maria in Trastevere

Detail of the Basilica di Santa Maria in Trastevere

With so many ancient ruins in Rome, it’s tempting to overlook the small church at the heart of the Trastevere neighborhood as new enough to not be worth visiting. The Basilica of Santa Maria in Trastevere is, however, one of Rome’s oldest churches.

Much of what you see on the exterior of the church today dates from the 12th century, but the heart of the church – the way the interior is laid out and some of the wall structures – date from the 340s. Not only that, there were sanctuaries built on this site as early as the year 220.

The church was rebuilt from the ground up in the early 1140s, using the 4th century foundations, and it’s the 12th century church we see today. The apse is beautifully covered in golden mosaics that date from the 13th century. The relics that give the church its “Basilica” title are the head of Saint Apollonia and a piece of the Holy Sponge – allegedly used to give Jesus something to drink during the Crucifixion. There are also two popes and an antipope buried inside the church.

It’s worth visiting the Basilica of Santa Maria in Trastevere when you’re in the historic Trastevere neighborhood. During the day, it’s a peaceful respite from busy Rome. At night, the square in front of the church is a hotbed for local nightlife.

- Jessica Spiegel

Basilica di Santa Maria in Trastevere: One of Rome’s Oldest Churches from Viator Rome



Basilica di Santa Maria in Trastevere: One of Rome’s Oldest Churches

Detail of the Basilica di Santa Maria in Trastevere

Detail of the Basilica di Santa Maria in Trastevere

With so many ancient ruins in Rome, it’s tempting to overlook the small church at the heart of the Trastevere neighborhood as new enough to not be worth visiting. The Basilica of Santa Maria in Trastevere is, however, one of Rome’s oldest churches.

Much of what you see on the exterior of the church today dates from the 12th century, but the heart of the church – the way the interior is laid out and some of the wall structures – date from the 340s. Not only that, there were sanctuaries built on this site as early as the year 220.

The church was rebuilt from the ground up in the early 1140s, using the 4th century foundations, and it’s the 12th century church we see today. The apse is beautifully covered in golden mosaics that date from the 13th century. The relics that give the church its “Basilica” title are the head of Saint Apollonia and a piece of the Holy Sponge – allegedly used to give Jesus something to drink during the Crucifixion. There are also two popes and an antipope buried inside the church.

It’s worth visiting the Basilica of Santa Maria in Trastevere when you’re in the historic Trastevere neighborhood. During the day, it’s a peaceful respite from busy Rome. At night, the square in front of the church is a hotbed for local nightlife.

-Jessica Spiegel

Basilica di Santa Maria in Trastevere: One of Rome’s Oldest Churches from Viator Rome



Exploring the Food of Rome’s Jewish Ghetto and Trastevere

Though Italian cuisine has long been admired as one of the pinnacles of gastronomical achievement, the Romans are not especially famed for their efforts. Typically, Roman food is seen as rather plain, as it is based on uncomplicated sauces and often opts for a minimalist approach to things such as pasta and pizza; for example, pizza bianca has no toppings like tomato sauce or cheese, which may sound to some like a grave crime on the palate. However, to dismiss it without investigating it further would be a mistake, especially because of the varied influences on the local cuisine, among which one of the most notable is Jewish culture from the oldest Jewish ghetto in Europe. This piece of history piqued my curiosity, and I resolved to go on the food tour of Rome’s Jewish area as well as the buzzing area of Trastevere (which literally means “across the Tiber,” the river that goes through the city).

DSCF5166

Even the sign was charming.

I meet Flavia, our tour guide, and the others going on the tour (almost all Aussies!) at 9 a.m. at the Piazza Farnese after running across the city for fear of being late — an activity bound to ensure that your appetite is awakened, believe me — and, after some introductions, we make our way to the famous Campo de Fiori market. There, Flavia shows us around and points out some of the things we will be eating, such as fiori di zucca (zucchini flowers) and guanciale (smoked pork cheeks). After filling our water bottles at one of the many fountains in the city — you have to love Italy for that, and especially Rome, which has over 2,000 — we go into an old grocer’s for a tasting. It starts with mozzarella di buffala (buffalo mozzarella), which blows everyone’s mind with its creaminess and intensity of flavour, far removed from the tasteless industrial rubber we’re all accustomed to. Flavia mentions that it is made from the milk of buffalos from Lazio, the state in which Rome is situated, confirming that this is good, local produce. We also taste salami and pecorino, the latter of which is essential to many Roman dishes, as it is grated on top of pasta instead of sauce and salt.

DSCF5158

A great selection of foods and a wonderful way to begin the tour.

Having whet our appetite, we pop just sround the corner to a forno (bakery) for some piazza bianca with mortadella, a processed ham with pistachio and olive pieces, served in a sandwich form. It doesn’t tantalise the senses in quite the same way as the tastings just before, but it certainly fills a gap. We then move on for a bit of a walk around while we talk amongst ourselves and with Flavia, who is very affable and happens to be going to my hometown in a few weeks, giving me a chance to return the favour and give her some food tips. We stop to admire Pasticceria il Boccione, the legendary Jewish bakery famous for its ricotta and sour cherry pie … though it is not part of the food tour per se, a couple of us go in to get a slice for later. Edit from the future: I highly recommend that you try this.

DSCF5162

A foodie’s dream.

June is not treating us well and it starts to pour with rain just as we dive into the next place for some supplí (fried rice balls like arancini, but with tomato sauce inside, Roman-style) and the delicious fiori di zucca fritta alla romana (fried zucchini flowers). They’re both deep fried and one of each per person is enough. Then, braving the rain after a hopeful but unsuccessful wait for it to pass, we cross the river to Trastevere and go to a rustic restaurant for some bucatini all’amatriciana, a pasta with a sauce made from tomato and pig’s cheek, which gives the dish a strong, smokey flavour. We wash it down with some wine and just chat and relax, all the while bombarding Flavia with our questions.

DSCF5164

Incredible flavors.

The next and final stop is a gelateria on Via della Lungaretta, notable for its multiple single-origin chocolate flavours. After tasting them all, I opt for the darkest, most intense flavour. I am not usually a chocolate ice-cream kind of man, but this caught my eye and it is indeed a cut above the rest. It is with happy faces and pleasantly full stomachs that we say bye to each other and Flavia, and go our separate ways to explore the city.

– Contributed by Joe Wareham

Exploring the Food of Rome’s Jewish Ghetto and Trastevere from Viator Rome



Trastevere senza acqua per un guasto Acea: autobotti per Fatebenefratelli e San Gallicano

Un guasto alle condutture idriche lascia senza acqua alcune vie di Trastevere, e mentre Acea ripara, assicura autobotti agli ospedali Fatebenefratelli e San Gallicano.

E tre! Dopo i quartieri e i comuni più a Sud della capitale/strong>, restati senza acqua per i lavori di manutenzione straordinaria dell’acquedotto Marcio, e quelli dei Municipi XIV e XV a Nord della città che ci resteranno sino a dicembre 2014 a causa della presenza di arsenico, oggi tocca al al Rione di Trastevere del centro bagnato dal Tevere.

Un guasto alle condutture idriche, verificato all’altezza di via delle Fratte di Trastevere, ha lasciato la nottata trasteverina particolarmente asciutta nonostante la pioggia, e senza acqua le utenze di viale Trastevere, lungotevere Sanzio e vie limitrofe, mentre il fabbisogno di ospedali Fatebenefratelli e Israelitico è stato garantito dal servizio alternativo prestato da autobotti.

Comunicandolo Acea precisa che

“le squadre di Acea Ato2 sono immediatamente intervenute e sono in corso le manovre sulla rete idrica per limitare i disagi e sono iniziati i lavori di riparazione che si concluderanno in serata salvo imprevisti”

Speriamo!

Water

Trastevere senza acqua per un guasto Acea: autobotti per Fatebenefratelli e San Gallicano é stato pubblicato su 06blog.it alle 17:07 di martedì 04 marzo 2014. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.






La Fabbrica del Cioccolato di ChocoMoments a Trastevere sino al 22 dicembre 2013

La Fabbrica del Cioccolato itinerante di ChocoMoments, fa tappa al Rione romano di Trastevere con le sue dolci tentazioni, sino a domenica 22 dicembre 2013.

Mentre l’amaro del fondente risveglia ricordi dolci e l’odore del cacao stuzzica sensi infreddoliti, prima di perdermi lungo qualche sentiero croccante e nocciolato, torno a condividere quelli del gusto che portano alla Fabbrica del Cioccolato di ChocoMoments.

Una buona occasione per mettere le “mani in pasta”… di cacao, affondare i denti nel cioccolatino, la lingua in creme sublimi o perdere il contatto di sé al cospetto di caffè, vino o grappa ad alto tasso di cacao, da degustare, abbinare, imparare a preparare o solo assaporare.

Alchimie sprigionate dalle note di cacao, a lezione di cioccolato con i grandi, tutti giorni dalle 10 alle 12 prenotando a: giancarlo.maestrone@gmail.com, ma anche giocando nei laboratori BabyCiok con i più piccoli, tutti i giorni dalle 15.30 alle 17.30, e a tutti i bambini delle scuole anche un divertente segnalibro che da diritto ad un omaggio al cioccolato da ritirare presso la Fabbrica.

Una gustosa occasione per imparare i segreti della sacher e prarare cioccolatini fatti in casa, mentre una grossa macchina per la macinazione delle fave di cacao trasforma il rione romano in un laboratorio artigianale a cielo aperto.

Tutti i giorni alle 17.00 i Cooking show consentono di vedere all’opera il maestro cioccolatiere Giancarlo Maestrone in compagnia dello chef patissier Domenico Spadafora, campione del Mondo di pasticceria a Rimini nel 2009, e star del programma tv di Rai 2 “Detto Fatto”.

Se non ne avete ancora avuta l’occasione o sentito il dolce richiamo delle creazioni dei migliori maestri cioccolatieri d’Italia, consiglio un salto in Piazza Mastai e Largo San Giovanni de Matha, forse in piazza Sannino, per problemi logistici, dalle 10 alle 20, sino a domenica 22 dicembre 2013.

La Fabbrica del Cioccolato di ChocoMoments a Trastevere sino al 22 dicembre 2013 é stato pubblicato su 06blog.it alle 20:42 di martedì 17 dicembre 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.






Tram Roma: 3 nuove linee per il 2014

Ai sei tram già esistenti si aggiungeranno tre nuove linee, a Trastevere da Termini e da Ostiense. E da Prati al Flaminio.

Il sindaco di Roma, Ignazio Marino, in un’intervista rilasciata al tg del canale televisivo T9, ha parlato della situazione tram:

“Entro il 2014 una nuova linea di tram che vada dalla Stazione Termini a Trastevere. I binari di fatto già esistono e passano da Viale Manzoni, Via Labicana, Viale Aventino, Via Marmorata, passano il Tevere e arrivano a Trastevere. Servono dei lavori per sistemare i binari, mettere le banchine, avere nuovi tram che in questo momento già sono in circolazione in alcuni orari, per provare che siano sicuri e avremo la linea Tram Numero 1″.

Insieme al tram 1 cominceranno anche i lavori di riqualificazione e riassetto totale di piazza dei Cinquecento, che diventerà uno snodo importante della rete tranviaria. Nell’area infatti fanno già capolinea le linee 5 e 14.

L’assessore alla Mobilità Guido Improta, aggiunge:

“Il progetto di riqualificazione è complesso e andrà a migliorare la fruizione da parte dei diversi utenti: dai viaggiatori ai tassisti, ai passeggeri dei bus e dei tram. Avremo la possibilità di organizzare i flussi in modo ordinato. Dobbiamo ora fare un passaggio al Cipe, il comitato interministeriale programmazione economica, per rendere disponibili 15 milioni di euro, risorse già stanziate. Il progetto è stato approvato e autorizzato ed è immediatamente cantieriabile. Sarà concluso in 18 mesi”

Vediamo il dettaglio:

Tram 1 – La nuova linea andrà da piazza dei Cinquecento, a Termini, alla stazione di Trastevere, entrerà in funzione alla fine del 2014.

Tram 3 – Entro l’estate riprenderà servizio il tratto su rotaia del tram 3 che da molto tempo è stato sostituito da un bus, il 3 B. La linea si spingerà fino alla stazione Trastevere, passando per Porta Portese e viale Trastevere per poi fare capolinea a piazzale Flavio Biondo.

Tram nuovo (ancora senza nome) – Collegherà piazza Risorgimento a piazza Mancini, Tra Prati/Vaticano e Flaminio. Di questa terza linea sono ancora da definire le fermate e il percorso. L’asse portante potrebbe essere viale Angelico, ma è solo un’ipotesi.

Tram Roma: 3 nuove linee per il 2014 é stato pubblicato su 06blog.it alle 20:13 di giovedì 21 novembre 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.






70° anniversario del rastrellamento del Ghetto di Roma: tanti ricordi per non dimenticare

Arrivo a Auschwitz 31 dic 1942

Roma ricorda il 70° anniversario del rastrellamento del Ghetto di Roma con omaggi e appuntamenti, dal Verano alla Marcia Silenziosa a Trastevere, per non dimenticare.

All’alba del 16 ottobre del 1943, un centinaio di soldati tedeschi delle SS ha portato via dal Ghetto 1.016 ebrei romani con 200 bambini destinati alla stessa sorte dei genitori.

Prigionieri di una guerra di razza, ‘rastrellati’ tra via del Portico d’Ottavia e le strade adiacenti, portati al Collegio Militare di via della Lungara, trasferiti alla Stazione Tiburtina e, la mattina del 18 ottobre, caricati su un treno piombato per essere deportati nel campo di sterminio di Auschwitz.

Oggi 16 ottobre 2013, scelta «come giornata simbolo del rifiuto di qualsiasi forma di violenza … contro ogni manifestazione di intolleranza ideologica, razziale e religiosa», a 70 lunghi anni dal rastrellamento del Ghetto di Roma, la capitale di qualsiasi credo e fede ricorda le sue vittime, quelle mai tornate e quelle sopravvissute, come Settimia Spizzichino, unica donna tornata viva dalla retata del 16 ottobre del 1943 nel Ghetto di Roma, alla quale è dedicata l’omaggio che apre questa segnalazione.

Un ricordo per chi non c’è più, per chi rimane, per chi non c’era ancora … tutti quelli che non devono dimenticare.

Un calendario cronologico che ripercorre le tracce lasciate da sofferenza e paura, dal Cimitero Monumentale del Verano, alla Marcia Silenziosa per le vie di Trastevere…

Alle ore 9.00 nel reparto ebraico del Cimitero Monumentale del Verano (ingresso da via Tiburtina) e alle 9.20 al “Muro dei Deportati” (ingresso dallo Scalo San Lorenzo), sarà deposta una corona di alloro da parte dell’amministrazione di Roma Capitale; alle 9.50 una corona viene deposta a Palazzo Salviati in via della Lungara, 81/c.

Alle ore 11:00, al Tempio Maggiore di Lungotevere de’ Cenci, ha inizio la cerimonia a inviti per il 70° Anniversario della Razzia degli Ebrei di Roma alla presenza del Capo dello Stato, alla presenza di Umberto Aboaf, Lello Di Segni ed Enzo Camerino (che oggi vive a Montreal, in Canada), gli unici sopravvissuti della razzia del 16 ottobre 1943.

Segue alle ore 12.10 la deposizione di una corona di alloro presso la targa che ricorda i cittadini italiani e romani di religione ebraica uccisi nei campi di sterminio, deposta da Roma Capitale, Regione Lazio, Provincia di Roma e Comunità ebraica.

Alle ore 13:00, nell’area del Binario “1” della nuova Stazione Tiburtina (ingresso via Masaniello), viene ricollocata la targa che ricorda la deportazione degli ebrei romani.

Alle ore 16.00 la Sala Pietro da Cortona dei Musei Capitolini dedica gli Incontri d’arte e storia a “La Memoria dell’intolleranza. I segni del ricordo nella città contemporanea”.

Alle ore 17.30 nella Sala Zanardelli del Museo del Vittoriano (ingresso in via dell’Ara Coeli) si inaugura la mostra “16 ottobre 1943 .- La razzia degli ebrei di Roma”, visitabile ad ingresso libero sino al 30 novembre 2013, dal lunedì al giovedì dalle 9.30 alle 18.30, venerdì, sabato e domenica dalle 9.30 alle 19.30.

Alle dalle ore 18.00 La Casa della Memoria e della Storia presenta il libro La Shoah nel cinema italiano di Andrea Minuz e Guido Vitiello, della collana Cinema e Storia 2013 (Rubbettino Editore).

Alle ore 19.00 da piazza Santa Maria in Trastevere parte la Marcia Silenziosa, organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio in collaborazione con la Comunità ebraica, che attraversa le strade di Trastevere per raggiungere largo 16 Ottobre 1943 (raduno dei partecipanti alle 18.30, arrivo previsto alle 20). In diretta nel video.

A disposizione dei rappresentanti delle Associazioni che desiderano partecipare alle cerimonie, due minibus di Roma Capitale partono alle 8.30 ai piedi della scalinata dell’Ara Coeli.

Un impegno con il passato, il presente e il futuro, che il Campidoglio prosegue con i Viaggi della memoria rivolti agli studenti romani che dal 19 al 21 ottobre prossimi visiteranno i campi di sterminio di Auschwitz e Birkenau accompagnati dal sindaco Marino, dagli assessori Alessandra Cattoi (Scuola) e Paolo Masini (Lavori Pubblici e Periferie) e dal presidente della Comunità Ebraica di Roma, Riccardo Pacifici.

16 ottobre 1943 filmografia

“L’oro di Roma”, regia di Carlo Lizzani (1961)

“16 ottobre 1943″, regia di Ansano Giannarelli (1961)

“La Linea Del Fiume”, regia di Aldo Scavarda (1976)

“Il cielo cade”, regia di Andrea Frazzi (2000)

“Concorrenza sleale”, regia di Ettore Scola (2001)

“La finestra di fronte”, regia di Ferzan Ozpetek (2002)

“Amen”, regia di Costantin Costa-Gravas (2002)

“Nazisti a Roma”, Istituto Luce (2007-2011)

“Pupa Garribba – Una storia romana” (2008)

“Sotto il cielo di Roma”, regia di Christian Duguay (2010)

70° anniversario del rastrellamento del Ghetto di Roma: tanti ricordi per non dimenticare é stato pubblicato su 06blog.it alle 08:01 di mercoledì 16 ottobre 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.










Agosto a Roma spegne le Ztl notturne

Per tutto quello che chiude a Roma nel Mese di Agosto, c’è anche qualcosa che apre, l’accesso alle Ztl notturne, con i varchi ’spenti, non attivi’ fino a settembre.

La nuova Ztl di Testaccio si prepara a cambiare viabilità e sensi di marcia, prima delle sperimentazione dei varchi di settembre, mentre nel panorama della mobilità di Agosto, da domani gli occhietti elettronici sono pronti a spegnersi e i varchi ad aprirsi per la consueta pausa estiva.

La mappa delle Zone a Traffico limitato della capitale resta la stessa, gli orari sono già estivi da maggio, mentre a spegnersi come di consueto, nel mese di agosto sono le telecamere a guardia dei varchi delle Ztl notturne.

    Ztl Notturna Centro Storico e Monti
    venerdì e sabato ore 23.00 – 3.00, riattivata venerdì 6 settembre;

    Ztl Notturna Trastevere
    mercoledì, giovedì, venerdì, sabato ore 21.30 – 3.00, riattiva da mercoledì 4 settembre alle ore 21.30;

    Ttl Notturna San Lorenzo
    mercoledì, giovedì, venerdì, sabato ore 21.30 – 3.00, riattiva da mercoledì 4 settembre alle ore 21.30;

A restare invariate anche nel mese di Agosto sono invece le Ztl diurne di Centro e Trastevere:
dalle 6:30 alle 18, dal lunedì al venerdì, sabato dalle 14 alle 18, al Centro,
dalle 6:30 alle 10, dal lunedì al sabato, a Trastevere.

Agosto a Roma spegne le Ztl notturne é stato pubblicato su 06blog.it alle 17:29 di martedì 30 luglio 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.





Roma arDente: La Cornucopia a Trastevere

Ce ne sono poche nella vita, purtroppo, di serate folli (nel senso buono) e senza pensieri, in cui essere ‘portate’ senza doversi preoccupare di nulla, ma sentirsi, invece, libere, felici e un po’ pazze, ma comunque al sicuro. Una di quelle serate in cui sentite che il mondo è vostro, nonostante tutto, e che nulla può farvi veramente del male.

Ecco, avete capito allora che quella era la mia serata, cominciata a cena a La Cornucopia, ristorante con una bella veranda in una delle piazze più romantiche e appartate di Trastevere che… si sa, è sempre Trastevere! La cornucopia, tra l’altro, è una composizione che in araldica significa abbondanza, concordia e felicità… gli ingredienti ideali per una serata come questa!

Gli eccessi che avrebbero caratterizzato la serata, diventata facilmente nottata, erano evidenti già nell’abbondanza degli antipasti misti di pesce: polpo bollito, insalata di mare, salmone marinato, polpetti alla luciana, calamari con funghi, per ricordarne solo alcuni (impossibile ricordarli tutti senza aver preso appunti) serviti con una certa sveltezza e una grande simpatia dal personale mai eccessivo né invadente.

Si trattava di una cena organizzata a menu fisso di pesce, che lasciava spazio a quella voglia di libertà e spensieratezza di cui parlavamo poco fa: neppure il ‘pensiero’ di dover scegliere cosa ordinare… fantastico! A coronare la sfilata di antipasti, anche enormi vassoi di frutti di mare con crostini, quelli in realtà un po’ poco saporiti.

Poteva andare già bene così, ma si prosegue inesorabilmente con gli spaghetti ai frutti di mare, tanti, ben conditi e con qualche pachino (lo dico per chi è della scuola del total white) e poi con il rombo in crosta di patate che era molto buono: morbido, soffice, ben cotto, con la carne che faceva da contrasto alla croccantezza delle patate a sfoglia sottilissima.

Solo il dessert era a scelta: abbondante anche il sorbetto al limone che ho scelto io (e che proprio non mi entrava) e le torte, tutte fatte in casa. Molte hanno optato per la panna cotta, disponibile in varie ‘salse’: frutta, cioccolato e caramello. Non so a quanto ammontasse il conto, comprensivo di vino bianco e caffè per tirare fino all’alba (ripeto: era la mia serata) ma credo sulla quarantina a testa.

La Cornucopia
Piazza in Piscinula, 18
00153 – Roma
Tel. 06/5800380
www.ristorantecornucopia.comristorantecornucopia@gmail.com

Foto | Flickr

Roma arDente: La Cornucopia a Trastevere é stato pubblicato su 06blog.it alle 09:00 di mercoledì 26 settembre 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.



La Movida Trasteverina allo Stairs

Via Della Scala 43, Roma

 

Nel cuore della movida romana, tra le storiche e affascinanti vie di Trastevere,c’è un locale davvero unico! Si trova in uno degli angoli più suggestivi del quartiere in via della Scala , punto focale del passaggio dei tanti americani che studiano, visitano o vivono a Roma.

E’ lo  Stairs che da più di dieci anni si dedica al  culto del cocktail stile American Bar, coloratissimi  e piacevolmente lounge, immancabili  i tavolini all’esterno una sorta di prma  fila sullo scenario animato si Trastevere.

Lo Stair è aperto  dalla mattina con un servizio di aperitivo a buffet espresso su richiesta. Il locale possiede anche un tavolo da Beer Pong, il gioco di culto fra gli americani.

Da provare!

  Tel. 06 97277421                           

Termini di Ricerca: