Gita fuori porta: a Cantalice a tavola con le strengozze

(roby)

Acqua e farina sono gli ingredienti della felicità… almeno quella del palato! La pensano così a Cantalice, piccolo borgo del Reatino dove da nove a questa parte si organizza la Sagra delle strengozze, che non sono altro che pasta ottenuta da questi ingredienti, sapientemente impastati dalla massaie del luogo.

Una volta gettate nell’acqua bollente e cotte, saranno poi condite con un ottimo sughetto a base di pomodoro, olio, aglio e persa, una specie di maggiorana locale. Insomma, si preannuncia davvero goloso il nostro weekend fuori porta di questa settimana, che non lesina sorprese anche di altra natura.

Oltre a gustare un bel piatto, che tra l’altro la Regione Lazio ha inserito tra i tipici tradizionali del nostro territorio, ci saranno spettacoli, balli, musiche della tradizione popolare, un raduno bandistico e un’area giochi gonfiabili per bambini, oltre all’attesissima alla gara del toro meccanico e al mercato di prodotti tipici, dell’artigianato locale e dell’antiquariato.

La domenica, grazie a un servizio di bus navetta, potrete visitare il santuario di San Felice all’Acqua, che sorge nel luogo in cui San Felice ha compiuto il celebre miracolo di far sgorgare l’acqua battendo per terra con un bastone. Visitando il Santuario di San Felice, la cattedrale di San Felice e tutte le altre chiese di Cantalice, si potrà, inoltre, ottenere l’indulgenza plenaria prevista per l’Anno Giubilare Feliciano proclamato dal Papa in occasione del terzo centenario della canonizzazione di Fra’ Felice, che si concluderà il 22 maggio 2013.

Se invece non siete per la religione o per l’arte (le chiese del Paese sono pregevoli, di origine cinquecentesca), potete optare per una domenica nel verde, magari con passeggiata per smaltire le strengozze. Da Cantalice, infatti, partono molti sentieri e suggestivi percorsi naturalistici che conducono, i più avventurosi fino al Terminillo e fino a Leonessa. È possibile affrontarli anche in mountain bike.

Inoltre, il territorio del paese comprende anche la Riserva parziale naturale dei Laghi Lungo e Ripasottile, che con il Lago di Piediluco rappresentano ciò che resta oggi del lago Velino, in una zona che pare nella preistoria fosse completamente coperta da paludi. Fate tante foto alle ninfee bianche e gialle che vi accompagneranno nella passeggiata!

Se invece la pigrizia vincerà, potrete restare a Cantalice a gustarvi un altro piatto di strengozze (la sagra è aperta anche domenica a pranzo) e fare due passi nel paese che si divide in Cantalice superiore, che comprende il centro storico, e Cantalice inferiore, la parte nuova.

Foto | Flickr

Gita fuori porta: a Cantalice a tavola con le strengozze é stato pubblicato su 06blog.it alle 09:00 di venerdì 07 settembre 2012. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.

Be Sociable, Share!