Author Archives: flino



Linee Mare, le novità della stagione 2017

mare-16Roma
Più corse e orari ampliati dal 1° maggio per le linee bus che conducono alle spiagge di Ostia e Castelporziano: 07, 062, 070. E a queste dal 10 giugno si aggiunge un nuovo collegamento, lo 068.

La linea 07 va dalla stazione Colombo della ferrovia Roma-Lido a Torvaianica-Campo Ascolano, percorrendo la Litoranea e transitando davanti agli ingressi della grande spiaggia comunale attrezzata di Castelporziano (i “cancelli”) e a Capocotta. Dal 1° maggio orario di servizio ampliato dalle 7 alle 22. Fino al 4 giugno la linea sarà attiva il sabato e nei festivi, dal 9 giugno tutti i giorni. Sempre dal 9 giugno, in anticipo rispetto agli anni scorsi, servizio potenziato il sabato e nei festivi con partenze ogni 5 minuti.

La linea 062: serve l’intero lungomare di Ostia dal Porto Turistico a Castelporziano. Scambia con la ferrovia Roma-Lido alle stazioni Lido Centro e Colombo. Entra in funzione il 1° maggio e, rispetto alle precedenti stagioni, viene potenziata nei fine settimana con orario dalle 7 alle 22.45.

La linea 068: è il nuovo collegamento che dal 10 giugno unirà l’entroterra di Ostia (Acilia, Saponara, Casal Palocco) al lungomare e alla via Litoranea. Un tragitto completamente nuovo che richiedeva l’uso di più linee bus per arrivare alle spiagge. Attiva il sabato e i festivi dalle 7.30 alle 20, collegherà la stazione di Acilia della Roma-Lido con Torvaianica-Campo Ascolano transitando in via di Acilia, piazza Eschilo, via Euripide, via di Macchia Saponara, via Pindaro, via Ermanno Wolf Ferrari, viale di Castelporziano, via del Lido di Castelporziano, via Cristoforo Colombo, stazione Colombo della Roma-Lido, lungomare Amerigo Vespucci e via Litoranea con fermate di fronte alle spiagge di Castelporziano e Capocotta. La 068 sostituisce le corse prolungate (Eur Fermi-Campo Ascolano) della linea 070, che saranno effettuate il sabato e nei festivi dal 1° maggio al 4 giugno e poi disattivate.

La 070 “classica”, Eur Fermi metro B-capolinea Colombo della Roma-Lido, naturalmente resterà sempre attiva.

Maggiori informazioni https://muoversiaroma.it/it/content/linee-mare-le-novit%C3%A0-della-stagione-2017



Avviso pubblico per la presentazione di manifestazioni di interesse per la partecipazione degli operatori alle iniziative di promozione turistica

Campidoglio_13 ACRoma, 27 febbraio 2017
Con Deliberazione di Giunta Capitolina n. 15 del 3 febbraio 2017, Roma Capitale ha approvato il calendario delle iniziative e delle manifestazioni di particolare rilevanza per la promozione di Roma Capitale che si svolgeranno in Italia e all’estero nel 2017, individuate secondo il calendario predisposto dall’Enit e condiviso con la Regione Lazio.

L’Avviso Pubblico è finalizzato all’acquisizione di manifestazioni di interesse, da parte degli operatori turistici operanti nel territorio di Roma Capitale, per partecipare alle iniziative del 2017 inserite nel calendario.

In  allegato il testo integrale dell’Avviso Pubblico contenente il calendario delle manifestazioni, i termini e le modalità di partecipazione.



Natale 2016, Capodanno, Epifania: orari musei e grandi mostre

PanoramaFinito il periodo frenetico pre-natalizio della corsa ai regali, degli addobbi e delle preparazioni delle tavole, ora ci possiamo rilassare e goderci la città in tutta tranquillità.

Per vivere il periodo natalizio a Roma nel migliore dei modi, vi forniamo una lista delle aperture di mostre e musei nei giorni che vanno dal 24 dicembre 2016 al 6 gennaio 2017.

Controlla le aperture http://www.060608.it/it/eventi-e-spettacoli/manifestazioni/natale-2016-capodanno-epifania-orari-musei-e-grandi-mostre.html

Vi ricordiamo che il 1 gennaio 2017 è la prima domenica del mese e  quindi Domenica al Museo: i luoghi della cultura statali (musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali) sono ad ingresso gratuito per tutte le categorie di visitatori.
I Musei civici saranno aperti eccezionalmente domenica 1° gennaio dalle ore 15.00 alle 19.00 con ingresso gratuito per i residenti nel territorio di Roma Capitale (saranno chiusi solo Villa di Massenzio, Museo di Casal de’ Pazzi e Planetario gonfiabile a Technotown).



IL CAPODANNO E LA TAVOLA DELLE FESTE ROMANE

Lasciamo da parte ricette esotiche o estremamente ricercate e festeggiamo il Capodanno con menu dedicato alla tradizione romana rispolverando piatti antichi della tavola delle feste, che portano con sé racconti e suggestioni e vogliono essere propiziatori per il nuovo anno.

Il menu del primo dell’anno delle tavole romane è abbondante, ricco, conviviale e frizzante. La tradizione impone che si inizi con un leggero brodo di gallina, un antipasto all’italiana con prosciutto, salame, olive, carciofini, funghetti e sott’aceti vari, per passare ad un primo piatto di lasagne o di ravioli di carne o di ricotta.

A volte i ravioli sono conditi con sugo di pomodoro e carne che viene servita in umido o fatta a fette con contorno di spinaci o carciofi alla romana e anticipata dalla gallina lessa accompagnata con un contorno di gobbi alla parmigiana.

Si chiude il primo con un assaggio di lenticchie della sera precedente. Il secondo prevede l’abbacchio al forno con patate aromatizzate con aglio e rosmarino, insalata mista e formaggi vari.

Il tutto si conclude con i dolci della tradizione romana quali il pangiallo ed il torrone romano. E poi frutta di stagione: mele, arance e mandarini. Unico strappo un grappolo d’uva che insieme alle lenticchie sono da sempre considerate ben auguranti. Infine mandorle, datteri e noci ed un brindisi con lo spumante.



Il Natale nella cucina romana

Roma
In questi giorni di festa non possiamo non parlare del cibo, grande protagonista nelle case romane. Il Natale, infatti, è un’occasione per riunirsi in famiglia e condividere i piaceri della tavola.

I pranzi e le cene vanno preparati con cura, per questo motivo si comincia la preparazione già diversi giorni prima. Ma cosa troviamo sulle tavole dei romani?

Varie_Spaghetti alle Vongole_24 FQIl menu del cenone è solitamente composto da un’antipasto che prevede gamberetti sgusciati, polipetti, anguilla marinata e sottaceti; un primo che consiste in un brodo d’arzilla e negli spaghetti con le vongole veraci; un secondo che prevede pesce arrosto o gamberoni sgusciati accompagnati dagli immancabili contorni composti dai fritti. Rigorosamente cavolfiori o broccoli, carciofi, filetti di zucchine, gobbi, filetti di baccalà, patate, mele e ricotta.

La cena si conclude con mandarini, arance, clementine, frutta secca, noci e nocciole, e poi i dolci tradizionali quali il Pangiallo e il torrone.

Il 25 dicembre la tradizione impone un menu non meno ricco: stracciatella o cappelletti alla romana in brodo seguiti dal cappone in brodo con una salsa aromatica a base di prezzemolo, acciughe, aceto, capperi, aglio mollica di pane e olio; le cotolette d’abbacchio impanate ed accompagnate dal fritto vegetale, dalla cicoria ripassata in padella o dai gobbi lessati e ripassati nel burro e parmigiano. Il tutto si conclude con la frutta di stagione ed i dolci: il pangiallo ed il torrone. Il pangiallo romano, in particolare, ha origini antiche, risalenti, addirittura, alla Roma imperiale. Si usava preparalo e distribuirlo nel giorno del solstizio d’inverno come buono auspicio per il ritorno delle lunghe giornate di sole, forma che ricorda un pò questo dolce.

In passato il cenone e del pranzo di Natale prevedeva che a tavola ci fosse rigorosamente ilfritti pesce, preferibilmente di piccola taglia. Nella notte tra il 23 ed il 24 dicembre i romani si recavano pertanto al mercato del pesce, chiamato cottio, che nella Roma Papale si svolgeva al Portico d’Ottavia nel ghetto ebraico. Pio VII lo volle trasferire in una pescheria in via delle Coppelle, dove rimase sino alla Unità d’Italia, quando si spostò a San Teodoro e, nel 1927, ai Mercati Generali. Il cottio quindi sopravvisse alle vicissitudini storiche di Roma e divenne nel tempo un avvenimento caratteristico che richiamava viaggiatori illustri, gentiluomini e dame in abito da ballo. La tradizione del cenone e del pranzo di Natale è rimasta viva nelle famiglie romane. Se andiamo a rispolverare i menu tradizionali scopriamo come il pesce e le verdure di stagione erano le protagoniste, accompagnate dai dolci della tradizione.



Il Natale nella cucina romana

In questi giorni di festa non possiamo non parlare del cibo, grande protagonista nelle case romane. Il Natale, infatti, è un’occasione per riunirsi in famiglia e condividere i piaceri della tavola.

I pranzi e le cene vanno preparati con cura, per questo motivo si comincia la preparazione già diversi giorni prima. Ma cosa troviamo sulle tavole dei romani?

Varie_Spaghetti alle Vongole_24 FQIl menu del cenone è solitamente composto da un’antipasto che prevede gamberetti sgusciati, polipetti, anguilla marinata e sottaceti; un primo che consiste in un brodo d’arzilla e negli spaghetti con le vongole veraci; un secondo che prevede pesce arrosto o gamberoni sgusciati accompagnati dagli immancabili contorni composti dai fritti. Rigorosamente cavolfiori o broccoli, carciofi, filetti di zucchine, gobbi, filetti di baccalà, patate, mele e ricotta.

La cena si conclude con mandarini, arance, clementine, frutta secca, noci e nocciole, e poi i dolci tradizionali quali il Pangiallo e il torrone.

Il 25 dicembre la tradizione impone un menu non meno ricco: stracciatella o cappelletti alla romana in brodo seguiti dal cappone in brodo con una salsa aromatica a base di prezzemolo, acciughe, aceto, capperi, aglio mollica di pane e olio; le cotolette d’abbacchio impanate ed accompagnate dal fritto vegetale, dalla cicoria ripassata in padella o dai gobbi lessati e ripassati nel burro e parmigiano. Il tutto si conclude con la frutta di stagione ed i dolci: il pangiallo ed il torrone. Il pangiallo romano, in particolare, ha origini antiche, risalenti, addirittura, alla Roma imperiale. Si usava preparalo e distribuirlo nel giorno del solstizio d’inverno come buono auspicio per il ritorno delle lunghe giornate di sole, forma che ricorda un pò questo dolce.

In passato il cenone e del pranzo di Natale prevedeva che a tavola ci fosse rigorosamente ilfritti pesce, preferibilmente di piccola taglia. Nella notte tra il 23 ed il 24 dicembre i romani si recavano pertanto al mercato del pesce, chiamato cottio, che nella Roma Papale si svolgeva al Portico d’Ottavia nel ghetto ebraico. Pio VII lo volle trasferire in una pescheria in via delle Coppelle, dove rimase sino alla Unità d’Italia, quando si spostò a San Teodoro e, nel 1927, ai Mercati Generali. Il cottio quindi sopravvisse alle vicissitudini storiche di Roma e divenne nel tempo un avvenimento caratteristico che richiamava viaggiatori illustri, gentiluomini e dame in abito da ballo. La tradizione del cenone e del pranzo di Natale è rimasta viva nelle famiglie romane. Se andiamo a rispolverare i menu tradizionali scopriamo come il pesce e le verdure di stagione erano le protagoniste, accompagnate dai dolci della tradizione.



Natale 2015, Capodanno, Epifania: orari musei e grandi mostre

viadelcorso_luminarie630Finito il periodo frenetico pre-natalizio della corsa ai regali migliori, degli addobbi e delle preparazioni delle tavole, ora ci possiamo rilassare e goderci la città in tutta tranquillità.

Per vivere il periodo natalizio a Roma nel migliore dei modi, vi forniamo una lista delle aperture di mostre e musei nei giorni che vanno dal 24 dicembre 2015 al 6 gennaio 2016.

MUSEI VATICANI

Aperti 24 e 31 dicembre ore 9.00-15.30 (#13.30)

Chiusi 25-26 dicembre; 1 e 6 gennaio

—————————————————-

MAXXI

Chiuso 25 dicembre

Aperto 24 e 31 dicembre ore 11.00-17.00 (#16.00)

—————————————————-

MUSEI STATALI

Chiusi 25 dicembre e 1 gennaio. Aperti 24 e 31 dicembre. Aperti regolarmente il 6 gennaio.

– Colosseo, Foro Romano e Palatino: aperto sempre ore 8.30-16.30 (#15.30). Chiuso 25 dic e 1 gen;

– Museo Nazionale Romano (Palazzo Massimo, Palazzo Altemps, Crypta Balbi, Terme di Diocleziano): chiusi 25 dic e 1 gen;  aperti 24 e 31 dic ore 9.00-17.00 (#16.00);

– Terme di Caracalla: chiuse 25 dic e 1 gen. Aperte 24 e 31 dic ore 9.00-16.30 (#15.30)

– Mausoleo di Cecilia Metella: chiuse 25 dic e 1 gen. Aperte 24 e 31 dic ore 9.00-16.30 (#15.30)

– Villa dei Quintili: chiuse 25 dic e 1 gen. Aperte 24 e 31 dic ore 9.00-16.30 (#15.30);

– Galleria Borghese: chiusa 25 dic e 1 gen. Aperta 24 e 31 dic ore 9.00-19.00 (#17.00). Prenotazione obbligatoria.

– Palazzo Barberini: chiuso 25 dic e 1 gen. Aperto 24 e 31 dic ore 9.00-18.00 (#17.00).

– Galleria Corsini: chiusa 25 dic e 1 gen. Aperta 24 e 31 dic ore 8.30-17.30 (#17.00);

– Galleria Spada: chiusa 25 dic e 1 gen. Aperta 24 e 31 dic ore 8.30-19.30 (#19.00);

– Castel Sant’Angelo: chiuso 25 dic e 1 gen. Aperto 24 e 31 dic ore 9.00-19.30 (#18.30)

– Palazzo Venezia: chiuso 25 dic e 1 gen. Aperto 24 e 31 dic ore 8.30-19.30 (#18.30)

– Museo Nazionale Etrusco Villa Giulia: chiusa 25 dic e 1 gen; aperta 24 e 31 dic ore 8.30-19.30 (#18.30);

– GNAM Galleria Nazionale d’Arte Moderna: chiusa 25 di e 1 gen; aperta 24 e 31 dic ore 8.30-18.00 (#17.15);

– Museo H.C. Andersen: chiuso 25 di e 1 gen; aperta 24 e 31 dic ore 9.30-19.30 (#19.00);

– Museo Mario Praz: aperto solo 26 dic ore 9.00-13.30 (#13.00). Chiuso tutti gli altri giorni

– Museo Boncompagni Ludovisi per il Costume: chiuso 25 dice 1 gen. Aperto 24 e 31 dic con ingressi alle ore 9.30; 11.00; 12.30; 14.30; 16.00; 17.30. Aperto 26-27 dic e 6 gen con ingressi alle ore 14.30; 16.00; 17.30;

– Museo Nazionale Preistorico Etnografico “L. Pigorini”: chiuso 25 di e 1 gen. Aperto 24 e 31 dic ore 9.00-18.00 (#17.30). Aperto 26 dic ore 9.00-13.30 (#13.00);

– Museo Nazionale delle Tradizioni Popolari: chiuso 25 dic e 1 gen. Aperto 24 e 31 dic ore 8.30-19.30 (#18.30)

– Museo Nazionale Orientale G. Tucci: chiuso 25 dic e 1 gen. Aperto 24 e 31 dic ore 9.00-19.30 (#19.00);

– Museo Nazionale dell’Alto Medioevo: chiuso 25 dic e 1 gen. Aperto 24 e 31 dic ore 9.00-19.30 (#19.00)

– Museo della Via Ostiense – Porta San Paolo: chiuso 25-26 dic; 1 e 6 gen. Aperto 24 e 31 dic ore 9.00-13.30 (#13.00)

– Museo Nazionale degli Strumenti Musicali: chiuso 25 dic e 1 gen. Aperto 24 e 31 dic ore 9.00-19.00 (#18.30)

– Scavi di Ostia Antica: chiusi 25 dic e 1 gen. Aperti 24 e 31 dic ore 8.30-15.30 (#15.30)

– Museo Ostiense: chiusi 25 dic e 1 gen. Aperto 24 e 31 dic ore 9.30-15.30 (#15.30)

– Castello di Giulio II: chiuso

– Villa Adriana a Tivoli: chiusa 25 dic e 1 gen. Aperta 24 e 31 dic ore 9.00-17.00 (#15.30)

– Villa d’Este a Tivoli: chiusa 25 dic e 1 gen. Aperta ore 8.30-16.00 (#16.00)

—————————————————

MUSEI COMUNALI

Chiusi tutti il 25 dicembre e il 1° gennaio

Aperti 24 e 31 dicembre fino alle ore 14.00, ad esclusione del MACRO Testaccio che sarà chiuso.

– Musei Capitolini ore 9.00-14.00 (#13.00)

– Mercati di Traiano ore 9.30-14.00 (#13.00)

– Museo dell’Ara Pacis ore 9.30-14.00 (#13.00)

– Centrale Montemartini ore 9.00-14.00 (#13.30)

– Galleria d’Arte Moderna di Roma Capitale ore 10.00-14.00 (#13.30)

– Museo di Roma in Palazzo Braschi 10.00-14.00 (#13.00)

– Museo di Roma in Trastevere 10.00-14.00 (#13.00)

– MACRO ore 10.30-14.00 (#13.00)

– Musei di Villa Torlonia ore 9.00-14.00 (#13.15)

– Museo Civico di Zoologia ore 9.00-14.00 (#13.00)

– Museo Napoleonico ore 10.00-14.00 (#13.30)

– Museo di Scultura antica Giovanni Barracco ore 10.00-14.00 (#13.30)

– Museo Pietro Canonica ore 10.00-14.00 (#13.30)

– Museo Carlo Bilotti ore 10.00-14.00 (#13.30)

– Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina ore 10.00-14.00 (#13.00)

– Museo delle Mura ore 9.00-14.00 (#13.30)

– Villa di Massenzio ore 10.00-14.00 (#13.30)

– Museo di Casal de’ Pazzi ore 10.00-13.00 (#13.00)

—————————————————-

GALLERIA DORIA PAMPHILJ

Aperta tutti i giorni ore 9.00-19.00 (#); chiusa 25 dic e 1 gen;

VILLA FARNESINA CHIGI ALLA LUNGARA

Chiusa 25-26-27 dicembre; 1, 3 e 6 gennaio

—————————————————-

BIOPARCO

Chiuso 25 dicembre

CASINA DI RAFFAELLO

Chiusa 25 dicembre e 1 gennaio

Aperta 24 e 31 dicembre ore 10.00-14.00

TECHNOTOWN

Chiuso 25 dicembre e 1 gennaio

Aperto 24 e 31 dicembre ore 9.30-14.00

CASA DELLA MEMORIA E DELLA STORIA

Chiusa 24 e 31 dicembre 2015 dalle ore 14.00 in poi

Chiusa 25-26-27 dicembre e dal 1° al 6 gennaio

SALA SANTA RITA

Chiusa 24-25-26 e 31 dicembre, 1 e 6 gen

EXPLORA – MUSEO DEI BAMBINI DI ROMA

Aperto 24 e 31 dicembre alle ore 10.00; 12.00; 15.00

Aperto lunedì 28 dicembre e 4 gennaio

Chiuso 25 dic e 1 genn

ORTO BOTANICO

Chiuso 25-26-27 dicembre; 1, 3, 6 gennaio

—————————————————–

GRANDI MOSTRE

DAL MUSÉE D’ORSAY. IMPRESSIONISTI. TÊTE à TÊTE

COMPLESSO DEL VITTORIANO

– 24 dicembre ore 9.30-15.30 (#14.30)

– 25 dicembre ore 15.30-22.00 (#21.00)

– 31 dicembre ore 9.30-15.30 (#14.30)

– 1 gennaio ore 15.30-22.00 (#21.00)

– 6 gennaio ore 9.30-20.30 (#19.30)

BALTHUS – LA RETROSPETTIVA

SCUDERIE DEL QUIRINALE

24 dicembre ore 10.00-15.00 (#14.00)

25 dicembre ore 16.00-22.30 21:30 (#20.30)

31 dicembre ore 10.00-15.00 (#14.00)

1 gennaio ore 16.00-22.30 (#21.30)

6 gennaio ore 10.00-20.00 (#19.00)

BALTHUS – L’ATELIER

ACCADEMIA DI FRANCIA – VILLA MEDICI

Chiusa 25 dicembre e 1 gennaio

Aperta 24 e 31 dicembre ore 10.00-18.30 (#18.00)

JAMES TISSOT

CHIOSTRO DEL BRAMANTE

– 24 dicembre ore 10.00-17.00 (#16.00)

– 25 dicembre ore 16.00-21.00 (#20.00)

– 26 dicembre ore 10.00-21.00 (#20.00)

– 31 dicembre ore 10.00-18.00 (#17.00)

– 1 gennaio ore 12.00-21.00 (#20.00)

– 6 gennaio ore 10.00-21.00 (#20.00)

COBRA – UNA GRANDE AVANGUARDIA EUROPEA (1948-1951)

FONDAZIONE ROMA – PALAZZO CIPOLLA

– Venerdì 25 dicembre 15.00-20.00 (#19.00)

– Venerdì 1 gennaio ore 15.00-20.00 (#19.00)

– Mercoledì 6 gennaio ore 11.00-20.00 (#19.00)

MATTIA PRETI. UN GIOVANE NELLA ROMA DOPO CARAVAGGIO

GALLERIA NAZIONALE D’ARTE ANTICA – PALAZZO CORSINI

Chiusa 25 dicembre e 1 gennaio

Aperta 24 e 31 dicembre ore 8.30-17.30 (#17.00)

UNA DOLCE VITA? DAL LIBERTY AL DESIGN ITALIANO. 1900-1940

IMPRESSIONISTI E MODERNI. CAPOLAVORI DALLA PHILLIPS COLLECTION DI WASHINGTON

PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI

– Giovedì 24 dicembre dalle 10.00-15.00 (#14.00)

– Venerdì 25 dicembre dalle 16.00-22.30 (#21.30)

– Sabato 26 dicembre dalle 10.00-22.30 (#21.30)

– Lunedì 28 dicembre dalle 10.00-20.00 (#19.00)

– Giovedì 31 dicembre dalle 10.00-15.00 (#14.00)

– Venerdì 1 gennaio dalle 16.00-22.30 (#21.30

– Lunedì 4 gennaio dalle 10.00-20.00 (#19.00)

– Mercoledì 6 gennaio dalle 10.00 alle 20.00 (#19.00)

TESORI DELLA CINA IMPERIALE

PALAZZO VENEZIA

Chiusa 25 dicembre e 1 gennaio

Aperta 24 e 31 dicembre ore 10.00-19.00 (18.00)

RENZO ARBORE – LA MOSTRA

LA PELANDA – CENTRO DI PRODUZIONE CULTURALE

Chiusa 22, 23, 24, 25 e 31 dicembre

Aperta 28 dicembre; 4 e 6 gennaio ore 10.00-20.00 (#19.00)

Per maggiori informazioni www.060608.it



Vademecum del pellegrino – Giubileo della Misericordia

S. Pietro__37 VBTutto è pronto per il Giubileo della Misericordia, voluto da Papa Francesco. Mentre Roma si prepara ad accogliere i pellegrini che arriveranno a San Pietro, ecco  5 consigli per non farsi cogliere impreparati a uno degli eventi più attesi dell’anno:

  • Prenotarsi online per  attraversare  la Porta Santa

A tutti i fedeli che varcano la Porta Santa viene riconosciuta l’indulgenza plenaria, cioè vengono rimessi i peccati. Oltre quella di San Pietro, a Roma ci saranno altre 4 Porte Sante presso le basiliche di San Giovanni in Laterano, San Paolo fuori le Mura, Santa Maria Maggiore e, dal 18 dicembre, presso la nuova Porta della carità in via Marsala, a due passi dalla stazione Termini.

Per evitare lunghe attese meglio registrarsi sul sito www.im.va indicando data ed ora del passaggio.

  • Visitare chiese e monumenti della  Capitale con l’Omnia Kit

E’ composto dall’Omnia card, una carta che dà accesso ad alcuni servizi offerti dal Vaticano e la Roma Pass, per quelli che offre il comune. Le card possono avere una validità di 72 ore, al costo di 108,00 euro (75,00 ridotto per i bambini dai 6 ai 9 anni) o di 24 ore , al costo di 50,00 euro (40,00 per il ridotto). L’omnia card comprende: l’audio guida per la visita alla basilica di San Pietro, la visita ai musei vaticani e alla Cappella Sisitina, l’audio guida per la visita alla basilica di San Giovanni in Laterano e del Chiostro, la visita al Carcere Mamertino di San Pietro e l’accesso all’Open Bus di Roma Cristiana; la Roma Pass dà diritto all’accesso a 2 musei a scelta del circuito Roma Pass, l’accesso scontato a tutti gli altri musei del circuito, l’accesso gratuito e illimitato per i giorni della carta ai mezzi pubblici della capitale. http://www.omniakit.org/it

  • Seguire i cammini dei pellegrini via app

Per conoscere i più importanti luoghi di fede ma anche apprezzare le bellezze artistiche della città eterna è possibile provare uno dei 4 cammini realizzati apposta per il Giubileo e disponibili sulla App Iubitinera : da San Giovanni in Laterano  ai Banchi nuovi, seguendo l’itinerario dei pontefici in occasione della loro elezione; oppure quello mariano, dalla chiesa di Santa Maria Maggiore ed infine quello del pellegrino da via San Paolo alla Regola.

  • Ripassare l’inno “Misericordes sicut pater”

E’ l’inno ufficiale del Giubileo, realizzato dal padre gesuita Eugenio Costa. E’ composto da 4 strofe indirizzate al padre, al Figlio e allo Spirito Santo. La quarta recita: “Grazia e gioia a chi ama e perdona, saranno nuovi i cieli e la terra”.

  • Scoprire il più piccolo Stato del mondo e le sue Ville pontificie

In occasione del Giubileo non può mancare una visita alla Cappella Sistina, vero gioiello dei Musei Vaticani e ai Giardini custoditi nello Stato più piccolo del mondo.  Ogni sabato poi dalla Stazione Vaticana  sarà possibile raggiungere Albano e Castel Gandolfo  a bordo di un trenino turistico per scoprire le meraviglie di Villa Barberini, aperta al pubblico da Papa Francesco.



8 dicembre 2015 la festa dell’Immacolata – Programma

C_Papi_169385Con l’8 dicembre si dà ufficialmente il via alle festività natalizie: c’è chi sfrutta questo giorno per addobbare la propria casa, chi per cominciare a mettere mano al portafoglio e tuffarsi nella ricerca del regalo perfetto e chi approfitta del giorno di riposo per godersi la città di Roma.

Da non trascurare l’aspetto religioso, poiché, in realtà quella dell’8 dicembre è una ricorrenza prima di tutto religiosa: l’Immacolata concezione. I festeggiamenti partono, come di consuetudine, già di prima mattina alle 7.30 a Piazza Mignanelli, con la deposizione di una corona floreale da parte dei Vigili del Fuoco all’effige della Immacolata posta sulla colonna nella piazza e proseguono alle ore 16.00 a Piazza di Spagna con l’atto di venerazione all’Immacolata presieduto da Papa Francesco.

Quest’anno, inoltre, a questa data è dedicata un’attenzione  tutta particolare, perché dà il via al Giubileo straordinario della Misericordia. Alle ore 9.30 sarà aperta la Porta Santa della Basilica di San Pietro da parte di Papa Francesco e ci sarà celebrazione della Santa Messa. La sera alle ore 19.00 sulla facciata e sulla cupola della Basilica di San Pietro sarà proiettata la suggestiva “Fiat lux: Illuminating Our Common Home”, proiezione di fotografie tratte dal repertorio di alcuni grandi fotografi del mondo, che presentano immagini ispirate alla misericordia, all’umanità, al mondo naturale e ai cambiamenti climatici http://www.turismoroma.it/news/giubileo-della-misericordia-apertura-della-porta-santa-della-basilica-di-san-pietro.

Insomma una giornata sicuramente ricca di attività, ma vediamo cosa è possibile fare in questo giorno così particolare:

Per chi ama le luci gli appuntamenti sono due: 24.000 lampadine led illumineranno due abeti, alti 20 metri posizionati rispettivamente a piazza Venezia e al Colosseo. Come vuole la tradizione, l`8 dicembre i due alberi saranno accesi, momento preceduto da due colpi a salve del cannone del Gianicolo.

Per chi invece preferisce una visita al museo partiamo col dire che i Musei Vaticani sono chiusi, mentre i Musei Civici di Roma Capitale sono aperti con orario consueto, così come i Musei Statali. Aperte anche le principali mostre presenti in città. Qui la lista delle aperture http://www.060608.it/it/eventi-e-spettacoli/manifestazioni/festa-dell-immacolata-eventi-musei-mostre-8-dicembre-2015.html



Aperture Roseto Comunale 2015

ROMA MAGGIO 2008. ROSETO COMUNALE . FOTO © MARTINA CRISTOFANIIl 21 aprile, in occasione del Natale di Roma, riapre il Roseto Comunale.     Passeggiando all’interno del giardino si possono ammirare circa 1.100 tipologie di rose provenienti da tutto il mondo: fra le più curiose, la Rosa Chinensis Virdiflora, dai petali di color verde, la Rosa Chinensis Mutabilis, che cambia colore con il passare dei giorni e la Rosa Foetida, una rosa maleodorante.

GLI ORARI – dal 21 aprile al 14 giugno 2015, tutti i giorni, Domeniche e Festivi inclusi dalle 8.30 alle 19.30. Unico giorno di chiusura al pubblico: 16 maggio 2015 per via dei lavori della giuria per il Premio Roma

Il Roseto è aperto con ingresso libero.