Monthly Archives: October 2014



La falsa pedonalizzazione di via della Frezza

viafrezza1


A via della Frezza, tra il Corso e via Ripetta, tutti fanno come vogliono. Si parcheggia allegramente, e non ci sono multe.

Come abbiamo avuto modo di ripetere più volte, se pedonalizzare è giusto, quasi sacrosanto, bisogna però accertarsi di farlo come si deve. Altrimenti basta girare un angolo, e torna il Far West del parcheggio selvaggio.

Ecco l’esempio perfetto a via della Frezza. Nonostante i vasoni, la strada è terra di conquista per il parcheggiante menefreghista, che ci s’infila magari anche contromano per un piccolo tratto su via Ripetta o tagliano da Passeggiata di Ripetta (da dove si può invece entrare con il vecchio sistema ZTL).

viafrezza2


Che senso ha? Come mani non multano a pioggia queste vetture? Come si può educare una popolazione metropolitana come quella romana se ogni volta che si crea un divieto, si lascia la possibilità di aggirarlo?

La falsa pedonalizzazione di via della Frezza é stato pubblicato su 06blog.it alle 16:24 di venerdì 31 ottobre 2014.






La settimana dei Municipi. Eccellenze da valorizzare, fra cinema sport e solidarietà

Non ci sono solo “emergenze” nei Municipi della Capitale, ma anche eccellenze, ovvero patrimoni socioculturali da valorizzare con eventi e iniziative ad hoc. Ve ne segnaliamo qualcuno ospitato o portato avanti nelle scorse settimane nei nostri Municipi.

Eccellenze da valorizzare, fra cinema sport e solidarietà, protagoniste di eventi ospitati nei Municipi romani, a cui in alcuni casi anche l’amministrazione sceglie di collaborare.

Segnaliamo ad esempio l’omaggio che il Teatro delle Muse in Municipio II fa all’indimenticabile Nino Manfredi con Gente di facili costumi (fino al 16 novembre, con Luciana Frazzetto e Geppi Di Stasio) in decennale della scomparsa  del grande attore, autore di questa piece insieme a Nino Rota o sempre in centro, la collettiva aperta fino al 5 novembre A Roman tale, per celebrare il legame fra cinema e Capitale (sede al Marriot Grand Hotel Flora di via Veneto).

Eccellenze nel gusto, nel Municipio III che ospita, ma bisognerà aspettare fino a domenica 30 novembre, il Gluten Free Day: appuntamento in questo caso al Lanificio Factory in via di Pietralata 159/A, fra esposizione di prodotti lavorati senza glutine o che ne sono naturalmente privi e che dovremmo ricominciare a valorizzare (in primis i cereali integrali) e in più laboratori di cucina, showcooking, degustazioni, incontri con gli esperti e convegni sul tema.

libri

A Tor Vergata, in Municipio VI, è stato invece inaugurato in settimana il Museo di Archeologia per Roma dal Ministro del Mibact Dario Franceschini mentre sempre nella stessa zona è nata una iniziativa tutta dedicata a sviluppare nei romani la passione di uno sport non molto usuale per la maggioranza di noi: il Golf.

Si tratta del nuovo Garden golf University in via Guido Carli, area di 60 postazioni, di cui 10 coperte, che consentirà, come annunciano gli organizzatori, di giocare fino a tarda sera (aperto fino alle 22) grazie alla cura dell’illuminazione dell’area.

E cosa dire invece di un altro “verde”, quello del Gardening Day, in Municipio IX, che ha visto genitori, alunni e il comitato di quartiere Torrino Decima rimboccarsi le maniche per recuperare il giardino scolastico e gli spazi verdi dell’Istituto?

Si sono date da fare invece per la lotta contro il tumore al seno domenica scorsa le ideatrici di uno speciale Zumbathon party in Pink sempre in Municipio VI: obiettivo, una giornata di sport e beneficenza per raccogliere fondi da destinare al nuovo fondo Zumba Global Research Grant for Breast Cancer Prevention.

Un plauso anche a una bellissima iniziativa del Municipio VIII, ovvero la possibilità di far trascorrere un sabato sera “ricreativo” in pizzeria, al pub o al bowling, a un gruppo di 8 ragazzi “fragili” in situazioni di disagio o handicap, segnalati dai servizi sociali.

Chiudiamo poi con una “chicca”, la Bibliocabina di Torresina, in Municipio XIV, ideata per il book crossing di chi vorrà visitarla: in una vecchia cabina telefonica ormai in disuso, sarà possibile prendere in prestito i libri che si trovano al suo interno, o portarne di nuovi per contribuire al progetto. Da replicare

La settimana dei Municipi. Eccellenze da valorizzare, fra cinema sport e solidarietà é stato pubblicato su 06blog.it alle 12:00 di venerdì 31 ottobre 2014.






Perché non si può parcheggiare il motorino sui marciapiedi

Guardate come sono ridotti i marciapiedi a piazza SS. Apostoli. Come è possibile proseguire a fare parcheggiare moto e motorini su di essi?

Piazza Santi Apostoli. Una piazza famosa a Roma, purtroppo più per le manifestazioni che per la sua storia. Una basilica con origine medioevali, una cornice di palazzi nobili ed eleganti (con facciate eseguite da Bernini, come Palazzo Odescalchi).

IMG_2436


La prendiamo quale esempio di come la pratica di parcheggiare i motorini e le moto sui marciapiedi sia assurda. Nella piazza gli ampi ed antichi marciapiedi ospitano (con tanto di cartello e parcheggio orizzontale) le due ruote. Quotidianamente.

unnamed (67)


santiapostoli03


Guardate come sono ridotti. E sono anni che la situazione non si risolve. Voragini, crepe, spaccature. Ogni volta che vengono riparati, con le classiche toppe romane, durano lo spazio di un mattino. Quindi tornano a sfasciarsi.

santiapostoli02


La cosa grave, oltre al danno dell’immagine, al degrado di un patrimonio del genere, è che chi poi paga la situazione sono i pedoni, le mamme con i passeggini, i disabili. Camminare sui marciapiedi a Roma diventa pericoloso. Un campo minato di buche e voragini. Così la gente finisce in mezzo alla strada, sempre che riesca ad uscire dallo stesso marciapiedi.

santiapostoli05


Possibile che non sia chiaro che non si può parcheggiare sui marciapiedi? Con alcun mezzo! Torniamo alla battaglia della penalizzazione, ma anche dell’esigenza di parcheggi interrati, multi piano, per “stoccare” macchine, motorini e moto.

Marciapiedi Santi Apostoli a Roma

Marciapiedi Santi Apostoli a RomaMarciapiedi Santi Apostoli a RomaMarciapiedi Santi Apostoli a RomaMarciapiedi Santi Apostoli a RomaMarciapiedi Santi Apostoli a RomaMarciapiedi Santi Apostoli a RomaMarciapiedi Santi Apostoli a RomaMarciapiedi Santi Apostoli a Roma

I marciapiedi non sono nati per essere parcheggi. Si chiamano “sidewalks” in inglese, perché servono a “camminare”, di lato. Qui invece sono “marci” più che “marcia”. Sarebbe il caso di farlo capire agli italiani e ai romani in particolare.

Marciapiedi a SS Apostoli Roma

Marciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli RomaMarciapiedi a SS Apostoli Roma

Perché non si può parcheggiare il motorino sui marciapiedi é stato pubblicato su 06blog.it alle 11:38 di venerdì 31 ottobre 2014.






DOMENICA 2 NOVEMBRE: MUSEI GRATUITI PER TUTTI I RESIDENTI A ROMA

20-musei_small

Domenica 2 novembre per tutti i residenti a Roma i Musei Civici della Capitale saranno di nuovo gratuiti (ad eccezione dello spazio mostre del Museo dell’Ara Pacis). Dopo il successo della sperimentazione del 5 ottobre – quando il Sistema Musei Civici è stato visitato dal doppio dei visitatori rispetto ad una domenica ordinaria (10 mila visitatori, di cui 5 mila romani), domenica 2 novembre torna la sperimentazione che sarà replicata anche domenica 7 dicembre.

L’obiettivo è di stabilizzare l’iniziativa a partire da gennaio 2015 rendendo gratuita per tutti – residenti e non residenti – ogni prima domenica del mese e allineando così pienamente i musei comunali a quelli statali.

“La risposta dei romani alla prima domenica di gratuità – ha commentato l’Assessore alla Cultura Giovanna Marinelli – ci ha fatto capire che stiamo andando nella direzione giusta e che l’interesse per il nostro patrimonio è vivo. Il prossimo obiettivo è quello di rendere questa esperienza ancora più stabile aprendola a tutti anche i non residenti, allineando, quindi, pienamente i musei comunali a quelli statali”.



ATAC ferma ai box: pignorati 77 milioni di euro. A rischio la mobiltà

Per il Campidoglio il pignoramento mette a rischio l’operatività del servizio di trasporto pubblico

Aggiornamento 4 novembre, ore 15.04 - Continuano ad imperversare le polemiche sul maxi-pignoramento ai danni di Atac Roma, riconosciuto a Roma Tpl dal Tribunale di Roma.

Il rischio che i mezzi pubblici romani possano fermarsi per totale mancanza di fondi è, lo dice il sindaco in una dichiarazione stampa, un rischio concreto che va scongiurato: i milleseicento mezzi pubblici in servizio nella capitale presto potrebbero essere costretti a fermarsi per mancanza di carburante e la debacle per l’immagine (e la mobilità) romana potrebbe essere totale.

Ieri infatti alcuni dei maggiori fornitori della società hanno comunicato ufficialmente la loro indisponibilità a proseguire l’approvvigionamento in mancanza di garanzie certe: garanzie che fino al 15 novembre, giorno della prima udienza, il Comune e l’Atac non sono in grado di fornire (e chissà poi se lo saranno, dipende tutto da come andrà la causa con Roma Tpl).

Il primo aspetto critico è quello del gasolio: le riserve infatti, secondo quanto scrive Repubblica Roma, potrebbero esaurirsi molto presto:

“C’è un rischio concreto ed è per questo che stiamo mettendo in atto tutti gli strumenti possibili per evitarlo.”

ha detto oggi Ignazio Marino, che ha anche garantito l’impegno del Comune di Roma per coprire le garanzie inesistenti di Atac: con un piano straordinario fino al 25 novembre (che potrebbe essere approvato già oggi o domani) il Campidoglio vorrebbe sostituirsi ad Atac sul piano finanziario. Una questione che potrebbe risolversi in un “paio di giorni” dicono da via Prenestina, ma che vista la lottizzazione totale acclarata in Campidoglio e le lotte intestine alla maggioranza che (non) sostiene il sindaco, il rischio rimane fino a quando non ci sarà qualcosa di scritto nero su bianco.

Romani e turisti aspettano trepidanti buone nuove dal Comune.

ATAC ferma ai box: pignorati 77 milioni di euro

FD24085-ATAC-RM-giokai421-586x439

Se è vero che “piove sempre sul bagnato” a Roma si può tranquillamente ampliare il concetto a qualcosa più simile a “diluvia sempre sull’allagato”: nei giorni scorsi è stato notificato all’ATAC, la municipalizzata dei trasporti, un atto di pignoramento per 77 milioni di euro, relativamente a un vecchio contenzioso con Roma Tpl, il Consorzio che gestisce in appalto le linee periferiche di superficie.

La prima udienza si terrà il 15 novembre e, fino a quella data, i conti correnti dell’azienda saranno congelati: un problema non da poco perchè, come scrive Il Tempo, da qui a metà novembre ci saranno da pagare i fornitori, gli stipendi e sopratutto il carburante.

Il contenzioso tra ATAC e Roma Tpl è relativo al quadriennio 2006-2010: si tratta dunque di un’eredità del tragico passato, un’eredità tra l’altro costituita da lodi arbitrali opachi e “illegittimi”, scrive Repubblica Roma, ricorsi e controricorsi, di cui verrà informata anche la procura della Repubblica, almeno stando a quanto dichiarato ieri dalla stessa Atac.

Fatto sta che il rischio di dover tenere gli autobus in garage è imminente:

“ATAC resiste in giudizio in quanto il lodo arbitrale è stato pronunciato nel 2009 da arbitri che ritiene privi di potere e non legittimati a giudicare la controversia. […] L’esecutività di tale atto mette a rischio la continuità aziendale di Atac e di conseguenza la mobilità pubblica nella Capitale, nonostante l’azienda abbia proposto opposizione al precetto.”

scrive il Campidoglio in una nota. Il contenzioso tra ATAC E Roma Tpl fu avviato dietro richiesta dalla Tevere Tpl (vecchio nome di Roma Tpl) sul bando da 400 milioni per gli anni 2005-2008, poi prorogato fino a tutto il 2009: quel contenzioso si risolse con la decisione dei tre arbitri, gli avvocati Stefano Vinti (privati) e Federico Tedeschini (Comune di Roma) e il presidente Vincenzo Nunziata che all’epoca era capo di gabinetto del ministro Gelmini, che diedero ragione a Tevere Tpl: 31,7 milioni per l’adeguamento dei prezzi del bando, altri 85 per la proroga del 2009. Nonostante il ricorso di ATAC il Comune di Roma decise di transare con 65 milioni, transazione bloccata dall’assessore Aurigemma (fresco di nomina) dietro parere positivo dell’avvocatura del Comune, che disconobbe il lodo dichiarandolo inammissibile.

In questo tira e molla molto poco sensato a farne le spese è unicamente ATAC, dato che il contenzioso nel frattempo levita a 96 milioni di euro: a gennaio 2014 la sentenza di condanna della Corte d’Appello che bacchetta l’avvocatura del Comune, parla di “negligenza” e si chiede come mai Comune, ATAC e Roma Tpl non si siano attavolati per chiarire e risolvere pacificamente il contenzioso nel merito.

Tavolo che è aperto, si, ma solo da poco tempo: il rischio è che da qui al 15 novembre i dipendenti ATAC possano mobilitarsi o che comunque il servizio risenta sensibilmente
dell’inevitabile tamponamento, fino all’agognato sblocco dei conti correnti.

Staremo a vedere.

ATAC ferma ai box: pignorati 77 milioni di euro. A rischio la mobiltà é stato pubblicato su 06blog.it alle 15:04 di martedì 04 novembre 2014.






Gita fuori porta: Halloween Gothic Fest a Castelnuovo di Farfa

Cene a tema, spettacoli per bambini ed esperienze extrasensoriali per una notte… da brivido

HALLOWEEN GOTHIC FEST 2014 LOCANDINA INTERNET  

Che notte, questa notte, a Castelnuovo, piccola frazione del Comune di Farfa dove anche quest’anno i volontari dell’associazione Rec stanno preparando scenografie da brivido per una serata dell’orrore che si rispetti. Come ormai sappiamo, il programma è davvero ricco di eventi paurosissimi che spaventeranno anche i più piccoli a partire dal pomeriggio, con baby dance e balli a tema, trucco, merenda con ragnatele di zucchero filato, fino all’arrivo di Jack O’Lantern in persona, l’anima maledetta che nel suo antro racconterà storie da far drizzare i capelli, ma sarà disposto anche a posare per una foto ricordo.

La sera, mentre i bambini visitano le ultime case alla ricerca di dolcetti (o di scherzetti) aprono gli stand gastronomici e le cantine per una cena itinerante sempre a tema e con le orecchie tese: al suono dell’allarme, infatti, arriverà la Grande strega che si riuscirà a sconfiggere solo dopo molte ore di caccia…
In calendario anche un’esibizione di pizzica e taranta, uno spettacolo teatrale a cura del gruppo Ramino, un concerto di una formazione gothic rock. In chiusura della nottata, magico spettacolo del lancio delle lanterne, ognuna delle quali porterà in cielo i desideri e i sogni degli astanti che avranno il coraggio di esprimerlo almeno nel loro cuore.

Gita fuori porta: Halloween Gothic Fest a Castelnuovo di Farfa é stato pubblicato su 06blog.it alle 09:00 di venerdì 31 ottobre 2014.






Un cavallo stramazza al suolo in via del Corso: vergogna romana!

Schermata 2014-10-30 alle 17.27.23


Tragica scena a via del Corso, sotto Palazzo Chigi. Verso le 15:30 un cavallo che trainava una botticella è stramazzato al suolo cadendo su un fianco.

Il vetturino ha cercato con tutte le sue forze di rimettere in piedi il suo animale senza riuscirci, quindi è scoppiato in un pianto a dirotto.

La scena drammatica ha attirato oltre all’attenzione dei pedoni e dei turisti, anche quella dei poliziotti di servizio a Palazzo Chigi (per fortuna!). Così è stato chiamato l’intervento del veterinario.

Ma questo è solo l’ultimo capitolo della triste storia quotidiana dei cavalli trainati dalla botticelle. Le battaglie che abbiamo vissuto anche noi quale organo d’informazione non sono servite a salvare gli ultimi, poveri cavalli, martiri di un sistema osceno di marketing turistico. Tutti sono responsabili.

Comune, proprietari lagnosi delle botticelle, organi del turismo, turisti stessi e infine noi cittadini idioti. Incastrati tra le lamiere del traffico, che ci lamentiamo per le pedonalizzazioni. Le bestie siamo noi.

Un cavallo stramazza al suolo in via del Corso: vergogna romana! é stato pubblicato su 06blog.it alle 17:39 di giovedì 30 ottobre 2014.






Panico da Eataly Roma: uomo armato accoltella chef e personale

Nel primo pomeriggio di giovedì 30 ottobre 2014, la follia di un uomo armato di coltello si scatena su chef e dipendente di Eataly Roma.

Ad Halloween manca ancora qualche ora ma la follia è già di casa a Roma e a quanto pare non risparmi il tempio del cibo made in Italy di piazzale XXII ottobre 1942, appena investito dal gesto folle di un uomo armato di coltello.

Erano passate da poco le ore 16.00, al primo piano che ospita diversi ristoranti, quando un dipendente ha accoltellato uno chef e una guardia giurata che ha tentato di fermarlo, scatenando il terrore dei presenti.

La causa dell’aggressione sembrerebbe legata ad una lite pregressa avvenuta in cucina. Il cuoco e la guardia giurata colpiti col coltello hanno riportato per fortuna solo ferite ad un braccio.

Il tentativo di scappare, intrapreso dall’uomo dopo l’aggressione è stato bloccato dagli agenti della sicurezza interna di Eataly, che sono riusciti a fermarlo tra le urla spaventate dei clienti e del personale, richiamando sul posto agenti di polizia e due ambulanze del 118 che hanno trasportato i feriti negli ospedali San Camillo e San Giovanni.

Panico Eataly Roma - personale accoltellato

Panico da Eataly Roma: uomo armato accoltella chef e personale é stato pubblicato su 06blog.it alle 16:52 di giovedì 30 ottobre 2014.






Scontri Roma al corteo operai: tutti i video e le reazioni sui social network

Roma torna a “ribollire” per il clima rovente tra istituzioni e cittadini. Botta e risposta tra i duellanti. Tutto a colpi di social network.

Gli scontri tra polizia e manifestanti, avvenuti durante un corteo degli operai delle Acciaierie Terni-Ast, contro il piano industriale della ThyssenKrupp, lasciano molti strascichi.

Il corteo si stava muovendo verso il Ministero dello Sviluppo Economico, in via Molise, quando in piazza Indipendenza, un gruppo di agenti in tenuta antisommossa sono intervenuti.

Maurizio Landini, segretario generale della FIOM-CGIL, ha attaccato duramente il Governo Renzi ed ha denunciato il ferimento di tre persone e chiede un incontro col Ministro dello Sviluppo Economico per chiarimenti.

La Questura di Roma intanto risponde con un altro video. La polizia sarebbe stata costretta a intervenire a causa del tentativo dei manifestanti di occupare la stazione.

Ancora una volta cronaca, commenti e polemiche corrono sui social network. #AstTerni è il filo conduttore e concitato di queste ore di tensione. Ovviamente, come sempre in Italia, la questione ora è da che parte stare.

Scontri Roma al corteo operai: tutti i video e le reazioni sui social network é stato pubblicato su 06blog.it alle 10:04 di giovedì 30 ottobre 2014.






Atac: il nuovo piano indiustriale 2015-2019

IMG_3859


Cosa emerge dalla presentazione del piano industriale dell’Atac?

Abbonamenti più cari e più ore di lavoro per gli autisti: presentato il Piano industriale

L’obiettivo è “curare” l’azienda più importante di Roma per il trasporto pubblico: l’Atac. Il riequilibrio economico dovrebbe avvenire entro il 2016, passando per:

- la ‘razionalizzazione’ delle linee bus;
– l’aumento del costo degli abbonamenti;
– la battaglia contro l’evasione;
– una “maggiore efficienza” dell’orario di lavoro di autisti e personale metroferroviario.

IMG_3856


Questi i principali punti del Piano industriale di Atac 2015-2019 presentato dall’ad dell’azienda Danilo Broggi e dall’assessore alla Mobilità Guido Improta ieri mattina presso la commissione Mobilità di Roma Capitale.

Improta, come fanno tutti, ma proprio tutti i politici e gli amministratori che passano per i corridoi del Campidoglio, parla di “realismo”. Una novità.

“Quando ci siamo insediati non era nemmeno scontato che l’azienda arrivasse al 31 dicembre 2013 invece siamo riusciti a mettere in sicurezza una situazione disastrosa. Se qualcuno pensa di poter fare di meglio ci fornisca gli strumenti. Dobbiamo combattere tutte le sacche di inefficienza, dagli appalti alle regole d’ingaggio del lavoro, fino al modo di produrre servizi. Dobbiamo puntare su una migliore programmazione dei servizi e sul potenziamento delle infrastrutture che già esistono”.

Sulle linee bus, dichiara:

“Sono sei mesi che sento parlare di tagli delle linee bus. Non è vero. È invece in corso una razionalizzazione in funzione della capacità di Atac di poter continuare ad operare. In passato è stato fatto l’errore di ampliare le linee a dismisura e senza che Atac potesse permetterselo. Scelte di questo tipo hanno determinato un buco nei conti che la dirigenza attuale è chiamata a gestire. Dalla gestione Alemanno Atac è uscita delegittimata dal punto di vista morale, culturale e professionale”.

Non ci sono grandi rivoluzione né infrastrutture nel futuro del tpl romano se non la tanto bramata, infinita, “missionaria” Metro C. Broggi, dal canto suo, è molto ottimista e snocciola previsioni numeriche:

“Nel 2016 Atac sarà in totale equilibrio economico e finanziario. Nel 2014 il valore della produzione di Atac è stato pari a 930 milioni mentre nel 2016 si attesterà a 1,07 miliardi”

Per quanto riguarda l’aumento degli abbonamenti, che fa tanto discutere (280 euro per quello annuale e a 38,5 per quello mensile a partire dal 1 gennaio 2015), Broggi rivela:

“L’abbonamento mensile romano è tra i più bassi in Italia. Quello annuale il più basso in assoluto e anche con gli aumenti Roma mantiene tariffe basse. Dopo questo aumento, le tariffe non saranno ritoccate all’insù fino al 2019″.

Improta ha annunciato almeno che ci saranno tariffe agevolate per clienti fidelizzati e anche per gli studenti non residenti. Dio sia lodato.

Ancora giallo invece sulla dismissione delle rimesse Atac. La presidente di commissione Anna Maria Cesaretti, scrive in una nota:

“Il piano industriale Atac dimostra che l’azienda ha fatto notevoli passi in avanti in merito all’obiettivo strategico dell’efficientamento del tpl”.

Ma sugli aumenti degli abbonamenti si dice contraria:

“Non è accettabile. Non si può chiedere ulteriori sacrifici ai cittadini, almeno fino al momento in cui l’amministrazione comunale non sarà in grado di garantire la massima ottimizzazione del tpl. Soddisfatta comunque perché viene accolta la mia proposta di ripristinare da gennaio 2015 le agevolazioni tariffarie per over 70 e under 30 e per gli studenti universitari non residenti a Roma”.

Il sindacato come ha reagito? “Tutto ricadrà sulle spalle dei lavoratori”, spiega Alessandro Capitani, segretario generale Filt Cgil Roma e Lazio. Una novità.

“Non c’è stato alcun confronto con le parti sociali. Il risparmio è andato solo a danno dei lavoratori: ci sono meno vetture in giro (13 milioni i chilometri percorsi in meno rispetto a tre anni fa) ma i costi per utenze e carburante sono cresciuti di oltre 15 milioni. Non stupisce che i ricavi del 2013 siano scesi di quasi 12 milioni, da oltre 545 a poco più di 533, mentre cresce mediamente di oltre il 30% la quantità di vetture ferme o indisponibili: 76 su un parco di 167 ad Acilia, 84 su 164 a Porta Maggiore, 40 su 60 a Trastevere, addirittura 23 su 30 a Montesacro”.

Eppure, sempre secondo il sindacato erano state concordate alcune mosse per risanare l’azienda romana: come ripensare i turni, riorganizzare il personale, razionalizzare la rete, assegnare premi obiettivo, ridurre stipendi ai dirigenti. Ma ovviamente non è stato fatto nulla.

E chi lavora sul serio in Atac? Per esempio gli autoferrotranvieri? La posizione di Simone Ruggeri:

“In effetti questa è solo una bozza di Piano Industriale. Non c’è nulla di definitivo. Come sempre saranno i lavoratori a dover risanare l’azienda e non chi ha creato il dissesto. Proporreremo una piattaforma con le nostre controproposte. E in virtù delle nostre adesioni chiederemo di partecipare in maniera attiva a questa svolta. In nome della trasparenza e della legalità”.

IMG_3862

Atac: il nuovo piano indiustriale 2015-2019 é stato pubblicato su 06blog.it alle 08:59 di giovedì 30 ottobre 2014.