Monthly Archives: July 2013



Restauro Colosseo – Il Consiglio di Stato respinge il ricorso del Codacons, deciso a dar battaglia

Forse è finita l’attesa per l’inizio dei lavori di restauro del Colosseo targato Tods. Forse! Perché oggi il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso del Codacons, ma questo sembra deciso a continuare la battaglia.

La sentenza pubblica emessa oggi dalla sesta sezione ha respinto il ricorso dell’associazione dei consumatori guidata da Carlo Rienzi, presentato contro la sponsorizzazione del restauro del Colosseo affidata al gruppo di Diego Della Valle per un valore di 25 milioni di euro, ritenendo troppo basso il prezzo della sponsorizzazione, rispetto al valore inestimabile del monumento, e i diritti di sfruttamento accordati per 20 anni.

“Il Consiglio di Stato – si legge nella sentenza – in sede giurisdizionale (Sezione Sesta), definitivamente pronunciando, respinge il ricorso in appello indicato in epigrafe. Compensa le spese giudiziali. Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa”.

Un ricorso già bocciato in primo grado dal Tar del Lazio, che i giudici di Palazzo Spada hanno ritenuto infondato, non riconoscendo al Codacons neanche il titolo per poterlo presentare, come associazione di protezione ambientale e di tutela dei consumatori, spendendo due parole anche sui conflitti di interessi delle associazioni di categoria che hanno affiancato l’appello di Rienzi, come quella dei camion-bar rappresentata anche dalla famiglia Tredicine.

“non è consentito che l’interesse dedotto in giudizio riguardi soltanto una parte delle categorie rappresentate, ponendosi in caso contrario configurante una situazione di conflitto di interessi dell’associazione stessa con alcuni dei soggetti rappresentati, o una non consentita sostituzione processuale”.

Una sentenza che di fatto concede il via libera ai lavori di restyling, anche se gli ostacoli paventati dal presidente Codacons Carlo Rienzi, sembrano decisi a continuare la battaglia.

“Questa decisione assurda offende il Colosseo prima ancora che il Codacons, e sarà impugnata in revocazione e in Cassazione per rifiuto di giurisdizione. E mentre i giudici del CdS bocciano il ricorso, per fortuna la Procura di Roma, che già ha aperto un procedimento sulla sponsorizzazione a seguito di un nostro esposto, esamina la richiesta del Codacons di sequestrare la concessione dei lavori al gruppo Tod’s, dopo che i diritti d’uso sul monumento sono magicamente passati dai due anni oltre il termine dei lavori agli attuali 20 anni”.

Restauro Colosseo – Il Consiglio di Stato respinge il ricorso del Codacons, deciso a dar battaglia é stato pubblicato su 06blog.it alle 16:41 di mercoledì 31 luglio 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.





Roma assediata dall’afa: fra emergenze 118 e servizi aperti per ferie

Veleggiamo, sembra, verso un nuovo picco di temperature, che assedierà il nostro week end in entrata. Già pressati da Caronte – mai nome più appropriato – i romani a quanto dicono alcune rilevazioni si muovono da casa solo nel week end e sopravvivono fra emergenza caldo e ricerca di servizi rimasti aperti.

Aumenta, per il caldo, il numero di segnalazioni al 118, del 25 per cento in più in queste ultime settimane. In realtà, per fortuna, si tratta per lo più di consulti che si risolvono in via telefonica, per fortuna.

Le zone in cui sono aumentate di più le richieste sono quelle di centro storico – a causa della presenza massiccia di turisti, immaginiamo – e litorale di Ostia, per i pendolari del caldo che si muovono giornalmente in direzione del mare.

Solo il dieci per cento delle richieste si prolunga con un intervento sul territorio, come ha spiegato il direttore Livio De Angelis.

La maggior parte delle richieste arriva, come si poteva prevedere, da persone anziane e da chi soffre di malattie cardiovascolari, respiratori o di diabete. Segnaliamo inoltre che una cooperativa, la Romamed, offre assistenza in piazza d’Istria (tel. 06.86557875-86329969).

Inoltre, anche da dati Acea risulta che ormai noi romani stiamo in casa tutta l’estate, per la maggior parte, escluso nei week end: i consumi elettrici infatti calano solamente nel finesettimana, secondo le rilevazioni.

Nel frattempo segnaliamo l’iniziativa della Cna “AAA: artigiani e servizi aperti ad agosto”, che come ogni anno raccoglie 500 fra fabbri, meccanici, parrucchieri etc che rimarranno a disposizione per il pubblico anche durante la pausa estiva.

Foto | Getty

Roma assediata dall'afa: fra emergenze 118 e servizi aperti per ferie é stato pubblicato su 06blog.it alle 11:00 di mercoledì 31 luglio 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.





Sciopero postini a Roma ad agosto? La battaglia della Uil

Sciopero di postini della Capitale ad agosto? Pare di sì, perlomeno per quel che riguarda gli gli straordinari (“prestazioni straordinarie e aggiuntive”) come annunciato dal sindacato Uil Lazio. “Pochi postini e zone di consegna troppo vaste”, come riporta il sindacato a Repubblica.

Colpa, come succede sempre in tutti i settori, del fatto che molti postini (ovviamente) se ne andranno in vacanza e in più dell’accorpamento di alcune zone di recapito. Secondo la Uil Lazio, come riporta Repubblica, sono stati “tagliati” 500 postini nel Lazio, di cui 385 nella sola città di Roma, e sono state accorpate le zone di consegna della corrispondenza. E così la Uil ha deciso di proclamare lo sciopero dal 1 al 30 agosto.

Ma la cosa più inquietante è che addirittura ci sarebbero – ferme agli uffici postali di alcune zone della città – stando a notizie della Uil Lazio – migliaia (!) di raccomandate: oltre diecimila sarebbero ferme solo nell’ufficio di Laurentina e tremila in quello di Cinecittà.

“A Bravetta e Primavalle mancano 25 postini, va meglio solo in zona Prati, Eur e in centro storico”, dice al giornale Stefano Angelini, segretario regionale Uil Lazio. E ancora secondo i dati riportati dalla testata, da una ventina di giorni in molti quartieri il recapito della posta è rallentato.

Staremo a vedere.

Via | Repubblica
Foto | Getty

Sciopero postini a Roma ad agosto? La battaglia della Uil é stato pubblicato su 06blog.it alle 09:30 di mercoledì 31 luglio 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.





Paese Sera chiude, i giornalisti protestano

Oggi scadono i contratti dell’intera redazione di Paese Sera, storica testata di Roma. I lavoratori del giornale mettono in atto una protesta nella sede del giornale, in via Carlo Emery 47, e invitano i lettori ad unirsi a loro.

La proprietà di Paese Sera da mesi è in trattativa con la società Parsitalia per la cessione delle quote societarie. Da domani potrebbe essere vietato l’accesso ai giornalisti nella sede di via Carlo Emery 47.

Paese Sera era il nome dell’edizione pomeridiana del quotidiano Il Paese di Roma, fondato il 21 gennaio del 1948 per iniziativa del Partito Comunista Italiano.

Il 29 settembre del 1986 Paese sera passò al formato tabloid ma la crisi del giornale cominciò a manifestarsi con diverse interruzioni delle pubblicazioni, e nel luglio del 1994, annunciò la cessazione definitiva delle stampe.

Il 16 novembre 2009 la testata venne ripubblicata online con un’area d’azione locale (Roma e dintorni). Nel 2011 iniziaono le pubblicazioni online.

Il 23 febbraio 2010 fu distribuito il primo numero cartaceo del nuovo corso free press. Della storica prima edizione venne mantenuto il logo (un semicerchio rosso su campo nero), con il sottotitolo La voce di Roma.

L’Associazione Stampa Romana fa sapere in una nota che si schiera a fianco della redazione:

“Chiediamo anche a Parsitalia, società che sarebbe interessata all’acquisto della maggioranza delle quote societarie, di aprire un tavolo a tre, con sindacato e attuale dirigenza, per individuare soluzioni possibili”.

Marta Bonafoni, consigliera regionale del Gruppo Per il Lazio, dichiara:

“Si sta spegnendo ‘la voce di Roma’, una testata giornalistica che ha svolto un lavoro d’inchiesta e di denuncia fondamentale per i cittadini di questa Regione. I reportage sulla legalità, sui rifiuti, le voci e i pareri di tutti quelli fuori dal coro ai quali la testata ha sempre dato spazio.

Tutto questo è stato Paese Sera nel corso degli anni, anche una fucina di giornalisti e una vera scuola di scrittura. Da domani scadono i contratti dell’intera redazione e la proprietà ha minacciato di impedire dal primo agosto l’accesso nella sede ai giornalisti.

I rappresentati della politica hanno bisogno di testate libere, che sappiano informare i cittadini e far accrescere il loro senso critico. Per questo la chiusura di questo organo d’informazione è un costo che non possiamo permetterci. Come consigliera regionale, come giornalista nonché come affezionata collaboratrice del mensile Paese Sera, auspico che questa delicata fase trovi presto una soluzione che salvaguardi la libera informazione e anche i diritti dei lavoratori”

.

Paese Sera chiude, i giornalisti protestano é stato pubblicato su 06blog.it alle 09:15 di mercoledì 31 luglio 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.





Agosto a Roma spegne le Ztl notturne

Per tutto quello che chiude a Roma nel Mese di Agosto, c’è anche qualcosa che apre, l’accesso alle Ztl notturne, con i varchi ’spenti, non attivi’ fino a settembre.

La nuova Ztl di Testaccio si prepara a cambiare viabilità e sensi di marcia, prima delle sperimentazione dei varchi di settembre, mentre nel panorama della mobilità di Agosto, da domani gli occhietti elettronici sono pronti a spegnersi e i varchi ad aprirsi per la consueta pausa estiva.

La mappa delle Zone a Traffico limitato della capitale resta la stessa, gli orari sono già estivi da maggio, mentre a spegnersi come di consueto, nel mese di agosto sono le telecamere a guardia dei varchi delle Ztl notturne.

    Ztl Notturna Centro Storico e Monti
    venerdì e sabato ore 23.00 – 3.00, riattivata venerdì 6 settembre;

    Ztl Notturna Trastevere
    mercoledì, giovedì, venerdì, sabato ore 21.30 – 3.00, riattiva da mercoledì 4 settembre alle ore 21.30;

    Ttl Notturna San Lorenzo
    mercoledì, giovedì, venerdì, sabato ore 21.30 – 3.00, riattiva da mercoledì 4 settembre alle ore 21.30;

A restare invariate anche nel mese di Agosto sono invece le Ztl diurne di Centro e Trastevere:
dalle 6:30 alle 18, dal lunedì al venerdì, sabato dalle 14 alle 18, al Centro,
dalle 6:30 alle 10, dal lunedì al sabato, a Trastevere.

Agosto a Roma spegne le Ztl notturne é stato pubblicato su 06blog.it alle 17:29 di martedì 30 luglio 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.





Green Economy: la Regione Lazio approva l’Agende Verde

La giunta della Regione Lazio ha predisposto le linee guida dell’Agenda Verde: modello di riferimento per lo sviluppo sostenibile, ambiti tematici e governance dell’agenda oltre l’istituzione degli stati generali della green economy.

L’obiettivo è quello di realizzare un modello di sviluppo sostenibile, su scala regionale, che coniughi esigenze pubbliche e private in chiave innovativa e di sistema.

Quattro le “sostenibilità” individuate a per riuscire in tale strategia: economica, sociale, ambientale, istituzionale.

L’Agenda Verde Regionale sarà uno strumento attuativo, che punterà a generare reddito e lavoro, garantendo al contempo condizioni di benessere (dalla sicurezza alla salute all’istruzione) equamente distribuite per classi e genere.

Gli ambiti tematici individuati rappresentano le linee di intervento volte a strutturare la pianificazione.

Sono 14 voci, che indicano la rete di specificità da sviluppare in stretta connessione: gli acquisti ed appalti, l’agenda digitale regionale, la bioedilizia e le infrastrutture, il ciclo delle acque, l’efficienza ed il risparmio energetico, le energie rinnovabili, la finanza ed il credito sostenibile, la formazione e diffusione della sostenibilità, la mobilità e i trasporti, la semplificazione e sostenibilità della governance istituzionale, smart grid e i sistemi di gestione dell’energia, lo sviluppo delle imprese, l’uso efficiente delle risorse, l’eco-efficienza dei prodotti, il ciclo dei rifiuti, l’utilizzo del territorio.

Per far funzionare l’agenda, oltre le strutture della Regione Lazio, sono chiamate a partecipare tutte le parti interessate: dalle associazioni di cittadini a quelle di categoria, dalle associazioni degli operatori economici e sociali agli enti e associazioni di protezione e tutela dell’ambiente e dell’ecosistema.

Fabio Refrigeri, assessore alla Infrastrutture, Politiche abitative e Ambiente, della Regione, ha dichiarato in una nota:

“La Regione Lazio si dota di uno strumento attuativo importante. Una cornice entro cui realizzare le azioni volte ad una precisa prospettiva di cambiamento. La direzione scelta indica la volontà di favorire una crescita armonica, sostenibile e produttiva per i territori del Lazio”.

Green Economy: la Regione Lazio approva l'Agende Verde é stato pubblicato su 06blog.it alle 15:18 di martedì 30 luglio 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.





Il giallo della diretta streaming delle assemblee capitoline

Da quasi un anno esiste lo streaming per seguire la diretta delle Assemblee Capitoline. E’ una scoperta un po’ per tutti. Perché non sembra gestito da Roma Capitale.

Come scrivono su Carteinregola perfino in campagna ellettorale molti candidati invocavano maggiore trasparenza promettendo la diretta delle Assemblee capitoline.

La “scoperta” del servizio già attivo (assembleaindiretta.it) merito del Consigliere Riccardo Magi (lista civica per Marino) che sul sito dei Radicali annuncia poi:

“Un’interrogazione in cui chiederà se il Sindaco e il Presidente dell’Assemblea fossero a conoscenza dell’esistenza di tale servizio e delle modalità con cui esso viene offerto; se il servizio comporti e se ha comportato un investimento da parte di Roma Capitale e per quale importo; a quali soggetti sia stata affidata la realizzazione del servizio, con quali modalità (se vi sia stato un bando pubblico o altro tipo di affidamento) e con quali caratteristiche; di sapere perché il servizio non sia mai stato inserito nel sito istituzionale di Roma Capitale né sviluppato come parte dello stesso né minimamente pubblicizzato”.

Il link infatti per ora non appare sul sito di Roma Capitale (che invece offre la pagina Open Data), e del resto neanche il dominio del sito risulta registrato a nome di Roma Capitale, bensì a nome della DaliStudio S.r.l.

Il giallo della diretta streaming delle assemblee capitoline é stato pubblicato su 06blog.it alle 12:13 di martedì 30 luglio 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.





A Fiumicino è in arrivo la Spaghettongola

Dall ’8 all ’11 Agosto 2013

spaghettivongole

Un evento che lo scorso anno ospitò ben  7mila persone in quattro giorni. Furono consumati 6 quintali di vongole, 300 chili di spaghetti, 4 quintali di cozze e altrettanti di frittura Uno splendido inno al buon gusto e ai buoni e sani sapori del mare. Torna la Spaghettongola, la grande ed unica festa della vongola lupino. Vi aspettano quattro giorni di cibo, musica, ballo e divertimento. L’obiettivo è : valorizzare i prodotti locali di Fiumicino e il suo pescato, la vongola lupino in primis.

Parco Tommaso Forti(ex Parco Bezzi, via Lorenzo Bezzi).

Termini di Ricerca:



Muse, il concerto a Roma e la tangente: la precisazione degli organizzatori

UPDATE ore 21.00
La società organizzatrice del concerto dei Muse a Roma, Vivo Srl, interviene per precisare la propria posizione in merito a quanto descritto dal nostro articolo:

Rispetto a quanto riportato da vari organi di stampa, la licenza è stata concessa dalle autorità competenti dopo le opportune verifiche che hanno dimostrato che tutto era sicuro e regolare e dopo aver puntualmente messo in atto ed ottemperato ad ogni disposizione di sicurezza e accorgimento tecnico richiestoci, come è successo in tutte le altre città.

Muse: “Per il concerto di Roma abbiamo dovuto corrompere della gente con migliaia di euro”


I 60 mila spettatori che hanno riempito lo stadio Olimpico lo scorso 6 luglio non potevano immaginare (o forse si?) che quel concerto, o quantomeno una parte di esso, fosse possibile grazie a delle tangenti. Il fatto è clamoroso, come racconta anche SoundsBlog.
Matthew Bellamy dei Muse ha rivelato al The Sun che per il concerto del 6 luglio a Roma sono state corrotte alcune persone attraverso migliaia di euro. La dichiarazione scioccante è la seguente:

In Rome, we had to bribe people with thousands of euros just to be allowed to blast our fire effects. We had to phone the British Embassy in Rome and argue with some official. If you want to do things like this on the move, it’s quite a big deal. It’s pretty bloody expensive, though. It’s mind-boggling how much, actually. (A Roma abbiamo dovuto corrompere della gente con migliaia di euro solo per essere autorizzati a sparare i nostri fuochi d’artificio. Abbiamo dovuto chiamare l’ambasciata inglese e discutere con dei diplomatici. Quando vuoi fare una cosa simile e sei lontano da casa è una cosa grossa. Molto costoso. A dirla tutta, è incredibile quanto sia costoso.)

Parole incredibili che però, almeno finora, non sono state approfondite dalle autorità competenti. Innanzitutto: chi è stato corrotto e chi, esattamente, ha corrotto? Qualcosa di simile è avvenuto anche per gli altri prestigiosi concerti che la Capitale sta ospitando nell’estate 2013? Poi, certo, verrebbe da chiedersi il perché sia necessario un atto illecito affinché un evento così prestigioso si svolga in una capitale europea.
C’è da dire che Bellamy ha ammesso che un po’ ovunque nel mondo i Muse riscontrano difficoltà organizzative al punto da aver dovuto arruolare “commercialisti e avvocati che discutono con ogni genere di amministrazione locale, con la polizia, con i promoter”. Tuttavia il verbo to bribe è stato utilizzato con chiaro riferimento a Roma.
Nella speranza che Bellamy chiarisca presto le sue dichiarazioni, magari fornendo dettagli più accurati, si attende una presa di posizione ufficiale dell’amministrazione locale e della società organizzatrice, la Vivo srl.

Muse, il concerto a Roma e la tangente: la precisazione degli organizzatori é stato pubblicato su 06blog.it alle 21:05 di lunedì 29 luglio 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.





A Roma “La Notte dei Fori”

Notte-dei-Fori-Imperiali-pedonali

E’ da sabato 3 Agosto che avrà inizio  la pedonalizzazione dei Fori Imperiali,una passeggiata a cielo aperto tra la storia .L’iniziativa, fortemente voluta dal sindaco Ignazio Marino, vedrà ufficialmente il via alle 5:30 del 3 Agosto e verrà commemorata con l’emissione di un francobollo celebrativo, oltre che con un grandioso evento denominato “La Notte dei Fori”, in programma per la sera del 3 Agosto. Una splendida notte di festa, all’insegna della cultura e dello spettacolo, grazie alla quale i cittadini romani e i turisti provenienti da tutte le parti del mondo, potranno riappropriarsi di questa magnifica ed affascinante area archeologica. L’iniziativa, organizzata dall’Amministrazione Capitolina, vedrà la partecipazione di autorità e di tanti artisti rappresentanti della cultura. Nel corso della serata i cittadini potranno visitare gratuitamente i Fori e assistere a numerosi spettacoli ed esibizioni in una cornice unica al mondo. Il programma della ‘Notte dei Fori  prenderà il via alle ore 21.30 alla presenza del sindaco di Roma, Ignazio Marino, della Giunta, del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti e di altre autorità che sfileranno lungo via dei Fori Imperiali insieme a cittadini e turisti, preceduti dalla Banda dei Vigili Urbani che eseguirà brani del proprio repertorio, mentre si apriranno le porte dei siti archeologici e si darà inizio alla visite guidate. Lungo il percorso numerose  performance teatrali, musicali e acrobatiche di grande pregio, con diverse repliche nel corso della serata , brevi spettacoli e animazione di artisti di strada. Dalle ore 22.45, sul palco centrale allestito a Largo Corrado Ricci, dopo il saluto del sindaco di Roma, Ignazio Marino e delle autorità presenti, verrà ricordato Vincenzo Cerami. Di seguito sotto la conduzione della giornalista Concita De Gregorio, si alterneranno i contributi di storici dell’arte, archeologi e urbanisti tra cui Adriano La Regina, ex Sopraintendente di Stato dal 1976 al 2004, Claudio Strinati, storico dell’arte, Paolo Sommella, presidente Istituto Nazionale Studi Romani, gli attori Pierfrancesco Favino, Massimo Popolizio, Fabrizio Gifuni, Anna Bonaiuto, Simona Marchini Marilù Prati e la regista Maria Sole Tognazzi. Alle 23.45 la musica lascerà spazio al silenzio e le luci si spegneranno per ricordare a un anno dalla sua scomparsa Renato Nicolini, l’inventore dell’estate romana, al quale è stata dedicata  la ‘Notte dei Fori. Il programma della serata proseguirà con la performance di Andrea Loreni, della Compagnia del funambolo, che camminerà su un filo installato al di sopra di via dei Fori Imperiali … un metaforico ponte che unisce le aree archeologiche oggi separate dalla strada. Allo scoccare della mezzanotte sui palazzi intorno a Largo Corrado Ricci saranno proiettate le immagini dell’istituto Luce, della Cineteca Nazionale e delle Teche Rai che raccontano la storia di via dei Fori Imperiali. Il gran finale sarà affidato  all’Orchestra Santa Cecilia con un concerto dedicato a Roma e ai Fori Imperiali.